Cronache

Omegna si impone sul Golfo 82-57, la cronaca e l'intervista post partita

Daniele Perini
19.11.2017

Parte benissimo Omegna con otto punti del suo centro Dip. A rispondere al dominio del lungo omegnese ci provano Pedroni e Malbasa. Brigato si unisce al classe ’84 di 205cm che continuerà a segnare e nei primi 10 minuti chiude con 12 punti e 2 rimbalzi.
Da parte dei gialloblù c’è molta grinta nella manovra offensiva e saranno 16 i punti segnati nel quarto con i quali restiamo ad inseguire sul -5. Non prende parte al match Procacci che Andreazza lascia in panchina a seguito di un infortunio alla caviglia rimediato nella partita precedente contro Livorno.

Nel secondo quarto, i canestri di Bianchi e Fontana ed una bomba di Guerrieri provano a portare Piombino sul -2 ma in questo momento inizia la straordinaria performance di Simoncelli. Il play capocannoniere della squadra era in dubbio per il match ma risolve ogni questione con una prova da vero top player.
Piombino affonda sul -16 e le azioni del Golfo in attacco diventano sempre più macchinose e lunghe.
A risolvere sono iniziative personali e la spunta solo Dorde Malbasa. Il serbo è l’unico che non smette di segnare e i meriti vanno tutti ad una difesa che non si scompone mai e serra ogni via ai gialloblù.

Nel terzo periodo la partita è scossa da due conclusioni dalla lunga distanza di Benedusi e Villa che immobilizzano il divario e affossano Piombino. In questa frazione torna a giocare meglio la squadra ospite e anche con Iardella, Persico e Fontana, riesce a segnare ma la differenza vista nel primo tempo ha il suo peso sull’inerzia della partita.

È il quarto periodo a riservare una speranza per la squadra di Andreazza che non perde la pazienza e prova, almeno parzialmente, a rimontare. Fontana, Iardella e Bianchi vanno a segno e nei primi 6 minuti dell’ultima frazione il Golfo torna a -14. Cambia di nuovo l’inerzia della partita nel finale e Omegna chiude i conti definitivamente. Un sonoro 82-57 è il risultato finale con il quale la miglior formazione del girone si aggiudica la nona vittoria consecutiva.

Il migliore in campo è Simoncelli che chiude a 21 punti con un solo errore al tiro. 63% da 2pt, 41% da 3pt e 77% ai liberi sono le percentuali di squadra al tiro nella serata che decreta ancora una vittoria dell'attuale capolista.

A seguire l’intervista post partita di Stefano Stefanini al vice allenatore Lorenzo Formica ed il tabellino.


Stefano: "La mia impressione è che nel primo quarto ci sia stato un approccio un po’ troppo morbido. Un solo fallo e poca tranquillità in difesa. Cosa è successo?"
Lorenzo: "Sicuramente i ragazzi hanno dato particolare attenzione alla fase offensiva che ha portato anche ai sedici punti realizzati. Lo sbaglio però è pensare di giocare per fare 90 punti contro questa squadra e dimenticarsi il nostro marchio di fabbrica, la nostra difesa. La miglior difesa del campionato fino a due settimane fa."

Stefano: "Dopo i due falli di Villa c’è stato l’ingresso di un Simoncelli dato in dubbio prima della gara. Un dubbio sciolto nel migliore dei modi con una super prestazione da 21 punti ed un solo errore al tiro. Il suo ingresso ha spaccato la partita?"
Lorenzo:
"Secondo me il problema è stato: Simoncelli, Brigato, Benedusi, Arrigoni, Dip e Villa... Una squadra con una profondità incredibile. Aldilà della grande prestazione di Simoncelli non ci scordiamo di tre canestri determinanti di Villa. Brigato nei primi due quarti è stato devastante. Arrigoni nei primi due quarti non ha eccelso poi quando è stato chiamato in causa ha messo a referto 2 recuperi, 1 rimbalzo e 2 canestri. Squadra assemblata per vincere, che sa giocare e gioca bene. Professionalità e attenzione ai dettagli giusta per affrontare tutte le partite. Abbiamo perso contro i più forti"

Stefano: "Molto forti anche in difesa, noi abbiamo trovato difficoltà anche in attacco, soprattutto nel primo tempo. Siamo spesso arrivati negli ultimi secondi a rifugiarci in uno contro uno. Cosa è riuscito a loro?"
Lorenzo: "Loro molto molto bravi a chiudere tutto, il loro piano partita è stato perfetto. Bravissimi a chiuderci l’area e ad aprirsi in equilibrio senza scoprire mai nessuna zona del campo."

Stefano: "Questo forse è stato uno schiaffo che può far bene per il ciclo di partite, tutte di livello, che andiamo ad affrontare?"
Lorenzo: "Se quello di oggi lo prendiamo come uno schiaffo non abbiamo ben chiaro di dove siamo venuti a giocare. Non è uno schiaffo a mio avviso perché abbiamo giocato la nostra partita, non siamo andati sotto si cinquanta punti. Sul -20, nel quarto quarto, siamo tornati al -14 in possesso di palla ma poi abbiamo perso contro un avversario molto forte.
Nelle prossime settimane dovremo solo continuare con l’atteggiamento con cui abbiamo affrontato le prime otto settimane e fare il nostro meglio".


IL TABELLINO:
Paffoni Omegna 82 – 57 Basket Golfo Piombino 82-57
Parziali: 21-16, 25-14, 17-13, 19-14

Paffoni Omegna: Alex Simoncelli 21, Kevin Brigato 16, Marcelo Dip 16, Francesco Villa 12, Marco Arrigoni 7, Nicolò Benedusi 5, Francesco Fratto 5, Marco Di Pizzo, Marco Torgano, Gionata Guala, Riccardo Ramenghi, Tommaso Milani
Tiri liberi: 17 / 22 - Rimbalzi: 37 5 + 32 (Marco Arrigoni 8) - Assist: 22 (Marco Arrigoni 6)

Basket Golfo Piombino: Alessio Iardella 16, Edoardo Fontana 14, Edoardo Persico 10, Dorde Malbasa 10, Giacomo Guerrieri 3, Edoardo Pedroni 2, Camillo Bianchi 2, Riccardo Crespi, Tommaso Mezzacapo, Yuri Bazzano, Alessandro Procacci.
Tiri liberi: 7 / 10 - Rimbalzi: 21 4 + 17 (Edoardo Persico 8) - Assist: 7 (Alessio Iardella 4)

Golfo, ad Omegna si passa con un'impresa
Gli anticipi: Un super Omegna fa piccolo il Piombino