Le altre

Gli anticipi: Un super Omegna fa piccolo il Piombino

Stefano Stefanini
19.11.2017

Si rilanciano con due successi esterni Empoli e Valsesia

Crollano sotto il meno 17 casalingo contro Empoli, le poche certezze rimaste a Varese, nemmeno più il fattore campo, contro una squadra reduce da una serie di risultati molto negativi, salva la pattuglia di coach Vescovi, solo 57 punti segnati contro i 74 della squadra ospite. I padroni di casa partono con il classe 2001 Riccardo Caruso in starting five, la partita resta in equilibrio per soli sei minuti, poi blackout di Bloise e compagni che dal 13 a 12 per loro per 9’ non segnano più, subendo un parziale di 17 a 0, per poi andare al riposo sul meno 19. Divario che Varese non colmerà più, condannata da medie al tiro basse (45% da due e 29% da tre) e dalle palle perse, che rendono inutile il dominio ai rimbalzi (36 a 28). Empoli con Giannini e Giarelli su tutti, 19 punti per la guardia ex Bottegone e 15 per il secondo, porta a casa due punti che la rilanciano in classifica a quota 8, mentre Varese resta impantanata in piena zona playout, a quota 4 con grossi problemi da risolvere, nelle fila varesine brilla il solo Bianconi, autore di  una prestazione con 19 punti, 7 rimbalzi e 3 assist.

A Omegna troppo forti i padroni di casa per un Piombino che per buona parte della partita prova a confrontarsi solo sulla fase offensiva, mordendo poco in difesa, tattica che non paga per la netta superiorità dei padroni di casa, con Omegna che gira benissimo la palla e Piombino che invece è lento e macchinoso e si affida alle soluzioni personali, come dimostrano i 22 assist dei rossoverde contro i soli 7 dei gialloblu. Gli uomini di coach Guzzinardi dominano in tutti i settori, guidati da un maestoso Simoncelli, dato in fortissimo dubbio alla vigilia, con  21 punti e un solo errore al tiro,accanto a lui Brigato dalla distanza e Dip dalla media e da sotto che fanno 16 punti entrambi, sotto le plance, dove i rimbalzi sono 38 a 24 e nelle percentuali al tiro (63% 41% e 77%). Un po’ come successo a Firenze nel finale i gialloblu deragliano, passando dal meno 14 a 4’ dal termine, palla in mano, al meno 25 finale con un solo punto segnato negli ultimi 4’. Omegna vola con la nona vittoria consecutiva, Piombino si ferma a quota 10 e ora deve concentrarsi su un ciclo di partite, le prossime quattro , fondamentali per il suo cammino, per capire dove potrà arrivare.

Valsesia senza il suo lungo Catakovic stronca dopo due quarti la resistenza di Moncalieri, vincendo per 62 a 76. Guidata da capitan Gatti, 22 punti per lui con 5 su 10 al tiro pesante e dal lungo classe 98 Farabegoli, che non fa rimpiangere il più quotato compagno, con 16 punti e 17 rimbalzi, dietro di loro un Magrini sempre più assistman, con 10 pacchi regalo per i suoi compagni e 10 punti segnati. Moncalieri continua a pagare le basse percentuali al tiro, 40% da due e 14% da tre che penalizzano il grande impegno dei ragazzi di coach Spanu, che nonostante questo dato rimangono in partita per oltre due quarti, dopo i quali arriva l’allungo degli ospiti che dalla parità a metà partita si portano al massimo vantaggio, sul più ad inizio quarto finale, controllando agevolmente il finale, cogliendo un successo che la riporta in zona playoff a quota 10.

Omegna si impone sul Golfo 82-57, la cronaca e l'intervista post partita
Il video della sconfitta a Omegna