Le altre

Gli anticipi: Si accorcia la classifica in zona quarto posto

Stefano Stefanini
13.01.2018

Vittorie per Valsesia e Oleggio, tutto facile per Milano 

Nonostante le assenze di Laudoni e Santolamazza, Milano passeggia contro Moncalieri, bastano 6’ per i milanesi per andare in doppia cifra di vantaggio e non scendere più sotto, vantaggio che raggiunge fino a più 29 a metà terzo quarto per poi calare quando coach Villa da ampio spazio ai suoi giovani assestandosi al meno 18 finale sul 97 a 79. Per i lombardi è lo show del trio Ferrarese, Negri e Paleari, i primi due bombardano dalla distanza in modo impietoso, il mancino ne piazza 8 su 12 e l’ex desio 5 su 7, 28 e 22 i punti per i due esterni, mentre il lungo mette a referto 24 punti con 16 rimbalzi, nella fila della PMS si toglie la soddisfazione di segnare 22 punti Del Vecchio, prendendo anche 9 rimbalzi. Per Milano 17à vittoria su 21 incontri e quota 34 in classifica, Moncalieri che invece non si schioda da quota 4.

Continua a correre Valsesia, quarta vittoria consecutiva e quota 20 in classifica, con aggancio momentaneo al quarto posto. Con i suoi migliori tiratori in serata decisamente negativa, Maino 6 punti con 1 su 7 dal campo e Boffelli con 12 punti ma con un pessimo 2 su 8 dalla distanza, Alba si trova da subito costretta ad inseguire, dallo 0 a 7 iniziale è sempre Valsesia a condurre, nella prima parte Magrini e Gloria sono incontenibili e gli ospiti allungano raggiungendo più volte la doppia cifra, Alba rintuzza quasi sempre aggrappandosi ad un super Dell’Agnello, chiuderà con 16 punti, 14 rimbalzi e 10 falli subiti. Ad inizio terzo quarto con un breck iniziale risale dal meno 9 al riposo fino al meno due, ma poi le molte palle perse rilanciano Valsesia oltre la doppia cifra, con Magrini 12 punti, 7 assist e 12 falli subiti e Gatti che ne segnerà 19 con alcune bombe da distanza siderale vola fino a più 19. L’ultima occasione per i padroni di casa a metà ultimo quarto dove si riportano a meno 9 con i canestri di Paolo Gallo e Dello Iacovo, ma sbagliano due volte di fila in attacco e li finisce il match, 64 a 75 il finale. Sfuma per Alba l’aggancio al treno salvezza e  rimane così quartultima a quota 12.

Oleggio senza Spatti e con Colombo, uno dei giocatori più in forma, che verso la fine del secondo quarto esce per un problema fisico e tornerà in campo solo per pochi minuti, ha la meglio su un Empoli ancora senza Potì e senza un lungo di ruolo. Partita comunque combattuta, Giarelli si sacrifica ancora sotto le plance, ma come con Alba finisce presto in panca per falli, gioca poco e la sua prestazione ne risente, solo 11 punti segnati con 4 su 11 da due, Empoli prova a reggere col tiro dalla distanza, dove nel primo quarto fa 5 su 10 con Giannini protagonista, 15 punti per l’ex Bottegone con 4 su 8 da tre, ma lla lunga cala finendo con un ancor buono 9 su 28 (32%), ma dalla breve paga la mancanza di peso e centimetri, con un 10 su 35 (29%) da due. Al contrario Oleggio nonostante manchino i centimetri di Spatti, da due tira con un ottimo 56% con Shaquille Hidalgo (17 punti con 8 su 12 e 8 assist) e con Colombo, quasi perfetto fino a che sta in campo (14 punti con 6 su 8 e 12 rimbalzi), buona anche la prova di marosi che dimostra di aver recuperato dai problemi fisici segnando 17 punti. Oleggio sale più volte a quella doppia cifra che gli consentirebbe di ribaltare il meno 10 dell’andata, a metà secondo quarto, al più 11 di fine terzo e ancora al più 10 a 1’ dal termine, ma non riesce ad andare oltre anzi nel finale Empoli accorcia per il 76 a 70 finale. Empoli rimane così a quota 14 in piena zona playout e Oleggio vola a quota 18 a soli due punti dalla quarta piazza. Nelle fila empolesi da segnalare anche le buone prove di Sesoldi, 13 punti e 14 rimbalzi e Raffaelli, 12 punti e 8 rimbalzi. 

Andreazza ed i "senatori" della squadra vi presentano IL SUPERDERBY!
3 Secondi - numero VII