Interviste

L'ANGOLO DELL'EX: Giacomo Guerrieri

Stefano Stefanini
02.04.2020

Intervista e video col capitano di molte stagioni in gialloblu

Giacomo Guerrieri, prodotto del vivaio piombinese e recordman con 262 presenze in gialloblu in 10 stagioni dal 2008 al 2018, con due promozioni dalla serie C e 6 campionati in serie B. È stato a lungo capitano del team piombinese, dando il suo contributo ad importanti risultati, come il quinto posto del 2015/16 e il quarto posto con semifinale del 2017/18. Nel 2018 si è trasferito cestisticamente a Venturina, con la quale ha giocato gli ultimi due campionati in serie D.

Rivediamolo sul campo (video con i suoi highlights): https://www.youtube.com/watch?v=AgKkDqxl2uM

Ciao Giacomo

Come è maturata la decisione di lasciare Piombino?

"La decisione era già cominciata a maturare subito dopo la fine degli studi universitari. Sapevo che, nonostante stessi facendo il lavoro più bello del mondo, dovevo guardare avanti e che il basket non sarebbe stato per sempre. Sono stato davvero fortunato ad aver avuto la possibilità di giocare e studiare allo stesso tempo. Poi la convinzione di lasciare Piombino è maturata, in maniera definitiva, quando ho avuto l'occasione di poter lavorare nel mondo di un'altra mia grande passione, che è la subacquea."

Quanto ti mancano i colori gialloblu?

"I colori gialloblù mi mancano moltissimo. Piombino era e sarà sempre una seconda famiglia. Inoltre i tifosi della Marea non mi hanno mai fatto mancare il loro affetto e calore. Anche adesso, a distanza di due anni, quando entro al palazzetto, a vedere le partite del Golfo, mi dedicano sempre un coro. Sono stupendi, non ci sono altre parole."

Quali sono i tuoi più bei ricordi delle stagioni giocate a Piombino?

"È difficile dirlo, a Piombino ho fatto la tutta mia carriera cestistica, dalle giovanili alla prima squadra. Sarebbe troppo facile dire che i ricordi più belli sono le vittorie, con palazzetti infuocati, contro corrazzate storiche, come Fortitudo Bologna, Montepaschi Siena e Livorno, ma la verità è che ho tantissimi bei ricordi all'interno degli spogliatoi. Le varie edizioni della coppa carnevale, con anche una finale, la soddisfazione di aver indossato la maglia azzurra e le mille “battaglie” affrontate con miei compagni in partita e i sacrifici fatti insieme in allenamento."

Qualche rimpianto?

"Pensandoci bene, potrebbe essere il fatto di non aver mai provato un’esperienza lontano da Piombino. Chissà che piega avrebbe preso la mia vita, se durante le giovanili avessi scelto di trasferirmi da qualche altra parte a giocare. Tirando le somme direi che però, per come si è svolta la mia carriera, rifarei tutte le scelte che ho fatto in passato e quindi sono felice di averle prese."

Quanto è diversa la dimensione di un basket più dilettantistico, come quello delle serie minori?

"È sicuramente molto diverso. Per caratteristiche di gioco, personalmente la difficoltà maggiore è stata quella di passare da un’attitudine mentale e fisica completamente, o quasi, dedicata alla pallacanestro, a dedicargli una energia molto più marginale. Detto questo, però, con tutte le difficoltà del caso, cerco di resettare il cervello per quelle due ore al giorno e concentrarmi sull'allenamento. A volte non è semplice, però allo stesso tempo mi aiuta molto a distrarmi e a ricaricarmi dallo stress e dai pensieri lavorativi quotidiani. Al Valdicornia Basket ho trascorso due anni fantastici, con dei compagni e dirigenti davvero eccezionali. Purtroppo quest'anno si è concluso troppo presto e ha interrotto un vero e proprio sogno, una stagione indimenticabile, nella quale eravamo primi in solitaria. Spero con tutto il cuore questa situazione passi presto e non vedo l'ora di tornare in campo e nello spogliatoio, con i miei compagni di squadra."

Cosa è oggi Giacomo Guerrieri fuori dal basket?

"Oggi è un Giacomo molto impegnato e mi piace esserlo, ma devo dire anche molto felice e soddisfatto. Sono sempre diviso tra lavoro e relative trasferte, basket, immersioni e naturalmente la mia compagna Martina! Anche in questi giorni di quarantena e di maggiori momenti in casa, non c'è tempo per annoiarsi! Ne approfittiamo per lavorare, nei modi possibili, studiare, allenarsi e rilassarsi un poco."

Vuoi mandare dei saluti?

"Non posso elencare tutte le persone che vorrei salutare, perché altrimenti mi dilungherei troppo. Sicuramente però non smetterò mai di ringraziare abbastanza la società del Basket Golfo, dal presidente, ai dirigenti, al custode del palazzetto, i compagni con cui ho passato gioie e dolori, come una vera e propria famiglia e tutti gli allenatori che in questi anni mi hanno trasmesso qualcosa di loro, per crescere, sia come atleta, che come uomo. Ci vediamo,speriamo al più presto, al palazzetto, a tifare Golfo e Valdicornia!!! Un abbraccio a tutti!!!​​​​​​​"

Comunicato Basket Golfo
LA FIP DICHIARA CONCLUSA LA STAGIONE DI SERIE B 2019-2020