Cronache

Il derby va a Cecina, Piombino esce sconfitto 62-61

Striscia positiva nel derby interrotta. Il Golfo esce sconfitto ma a testa alta.

Daniele Perini
08.10.2017

Si interrompe la striscia di 4 vittorie consecutive nel derby per Piombino. Il risultato finale di 62-61 lascia l’amaro in bocca alla squadra di Andreazza che vede le proprie speranze spengersi sul ferro del canestro che dice di no al tiro della speranza di Procacci. 

Un buon inizio per entrambe le compagini, si parte a ritmi alti e Piombino gioca con la stessa tenacia dimostrata nel match di esordio contro Pavia. Parte benissimo in difesa Malbasa che non fa ragionare l’eterno Mario Gigena

In attacco il Piombino riesce a trovare, con oculata pazienza, la via per il canestro e la partita si infiamma. Cecina splende da subito con Liberati che guida i suoi con la sua buonissima prestazione (17 punti per l’ex piombinese a fine gara). Il primo quarto si chiude sul 16-16 in una parità che racconta l’equilibrio visto in campo. Cecina nella seconda frazione sa approfittare dei pochissimi sbagli commessi dai gialloblù e chiude il primo tempo in vantaggio sul 34-30. Si segnala, nel secondo periodo, l’esordio del 33 in maglia Golfo. Riccardo Crespi, classe ‘97, fa il suo ingresso in campo al 13’ minuto della partita e mette a referto una stoppata e 2 buonissimi punti in pochi minuti. Un gran prospetto per i piombinesi.

Il secondo tempo si apre con una scossa di Alessio Iardella che rientra in campo con grandissima grinta. Grazie anche al 4 livornese, Piombino torna in vantaggio. Rimane in vantaggio anche quando, alla fine del quarto, il tabellone segna 47-49 per gli ospiti.

L’ultimo quarto è quello che di più bello ci si può aspettare dal derby: adrenalina pura per i tifosi. Al quarto minuto dell'ultima frazione, viene espulso per il quinto fallo commesso Edoardo Persico. Le squadre poi si passano più volte il comando nel punteggio ma Cecina riesce ad allungare su un pericolosissimo +4 quando il cronometro indica che mancano solo 30 secondi al fischio finale. Un altro Edoardo, Fontana (classe ‘98), che è l’emblema di questa squadra, giovane e grintosa, riapre la partita con una tripla che fa urlare i moltissimi tifosi piombinesi presenti al Palapoggetti di Cecina.

Un’altra grandissima difesa blocca l’affondo decisivo di Gigena e Cecina rischia di rovinare tutto. I rossoblu padroni di casa hanno però falli da spendere quando Piombino ha il possesso di palla e mancano solo 7 secondi. Due falli permettono a Cecina di far interrompere due volte il gioco e il Golfo si ritrova con soli 3 secondi per tentare di vincere la partita.

È il play Alessandro Procacci a prendersi la responsabilità di un tiro da distanza siderale che però non entra e sancisce la fine della partita.

Rimane un po’ di delusione per la sconfitta del derby ma questa squadra piace ai tifosi, ha carattere da vendere e gioca una buona pallacanestro su entrambi i lati del campo. Perdere un derby è sempre doloroso ma il campionato è lungo e i gialloblù avranno modo di riscattarsi al meglio.

Il prossimo appuntamento è fissato per domenica prossima al PalaTenda dove alle 18:00 arriva la Robur et Fides Varese che ha conquistato i suoi primi due punti contro Livorno nel match di ieri.


IL TABELLINO
La Buca del Gatto Basket Cecina 62 - 61 Basket Golfo Piombino

Basket Cecina: Liberati 16, Forti 4, Gaye 2, Biancani 6, Spera 7, Donati, Barontini 2, Guerrieri, Gigena 14, Salvadori 7, Filahi, Turini 4. Allenatore: Montemurro Gianni, vice allenatore: Pio Matteo Antonio.
Basket Golfo Piombino: Pedroni 4, Iardella 17, Guerrieri, Procacci 4, Bazzano, Persico 10, Malbasa 6, Bianchi 3, Crespi 2, Fontana 15. Allenatore: Andreazza Marco, vice allenatore: Formica Lorenzo.

Gli anticipi: Volano a punteggio pieno Omegna e Empoli, riscatto per Varese
Fiorentina e Valsesia raggiungono Omegna e Empoli in vetta