Cronache

Le altre: cadono le grandi

Stefano Stefanini
23.02.2020

Imprese di Alba, che travolge Palermo e Montecatini, che ferma la capolista

Nel match clou della domenica, è Alba ad avere la meglio e a fermare il lanciatissimo Palermo. Sesta vittoria di fila per i piemontesi che raggiungono Piombino al quinto posto, col quarto posto di Palermo ora a due punti. Palermo che si ferma dopo 8 successi consecutivi e che nella partita odierna vede tornare Matias Di Marco, giocare Caronna, recuperato tramite ricorso alla squalifica di due giornate, ma fermarsi Durante, secondo miglior realizzatore della squadra. Il recupero più importante però è quello di Alba, che ritrova Terenzi e lo ritrova in grandi condizioni, segnerà 32 punti con 4 su 6 da tre, 12 su 12 ai liberi, con anche 9 rimbalzi. Ma anche i lunghi albesi fanno la loro parte, con Rossi che ne segnerà 19 con 6 su 7 da due e Giorgi con 15 e 8 rimbalzi. Alba che tira con percentuali alte 50% da due, 46% da tre e 93% da due, per Palermo invece in attacco va molto male 39% da due, 27% da tre e 63% ai liberi. Per i siciliani sarà Caronna il migliore con 18 punti e 10 rimbalzi e Pollone con 13 e 8. Sarà una gara tutta ad inseguire per Palermo, che però dopo il meno 11 del primo quarto, risale fino a meno uno nel secondo, per poi rifinire ameno 16 già nel finale di parziale. L’ultimo sussulto dei siciliani nel terzo quarto dove rimontano fino a meno 5, svantaggio con cui riescono a resistere fino ad inizio quarto finale, ma dopo soli 3’ dell’ultimo parziale con un breck di 11 a 0 crollano lasciando la vittoria ad alba che nel finale dilaga, 34 i punti segnati nel quarto.

Montecatini finalmente riesce nell’impresa, al terzo tentativo di questo girone di ritorno, batte una delle grandi, la prima in classifica. Prova di grande carattere dei termali, che dopo un ottimo avvio, con i canestri di Iannilli, già con 14 punti a metà gara e le bombe di Tommei, 2 su 3 nella prima metà, dopo 5’ del primo quarto sono già sul più 10, subiscono la rimonta di Quartuccio e soci, che al minuto 14 raggiungano la parità e sullo slancio salgono fino a più 8, gap con cui si chiuderà la prima metà gara, sul 30 a 38. L’avvio di terzo quarto sembra togliere ogni speranza di vittoria ai locali, con un più 14 per San Miniato, ma con i canestri di Tiberti, Iannilli e Mercante, i ragazzi del neo coach Cardelli ritornano avanti di uno a fine terzo quarto. Nel quarto finale Montecatini, pur non salendo mai oltre il più 5, si mantiene sempre avanti e capitan Meini con qualche importante canestro e con la sua esperienza guida i suoi alla vittoria finale. I termali agganciano Alessandria alla penultima posizione e ora si tufferanno in una serie di sei partite che prevedono quattro scontri diretti. Per San Miniato, allo stop dopo 7 vittorie consecutive, sconfitta quasi indolore, mantiene infatti comunque la testa della classifica. I migliori per gli ospiti Enihe con 16 e 3 su 5 da tre, Caversazio, con 15 e 9 rimbalzi e Carpanzano con 14 e 4 assist, per i padroni di casa, Iannilli con 20 e 8 rimbalzi, Mercante con 17 e Tommei con 16 e 4 su 8 da tre.

Gli anticipi: Ancora sconfitta per Omegna
Il video della partita di Firenze