Cronache

Basket Golfo a Vicenza occasione sprecata

Stefano Stefanini
03.05.2019

Si va a gara tre, tutto si deciderà nei prossimi quaranta infuocati minuti a Piombino

Nel basket le partite perse di pochi punti si prestano a mille interpretazioni, ma dai numeri e dagli occhi del cronista una ne balza agli occhi, in una gara ben approcciata dal Golfo, sempre concentrato e determinato, con la giusta carica mentale, sono stati gli errori tecnici a non dare al Golfo la vittoria. Il tabellino dice 16 su 46 da due, un misero 35%, che fa seguito al 39% dell'andata, a conferma della grande fisicità e aggressività dei vicentini nella loro area difensiva. Ma più della quantità degli errori pesa la banalità di alcuni di questi. Se per certi versi molti sono dipesi dalla bravura dei difensori avversari, che più volte hanno portato i gialloblu ad optare per esecuzioni ad alto coefficiente di difficoltà, in molte occasioni Piombino ha sbagliato soluzioni estremamente facili da sotto, a difesa battuta e quindi senza più pressione. E' ovvio che sarebbe bastato sfruttarne una minima parte, in maniera positiva, per riuscire a portare a casa il match e conquistare la semifinale. Il volto di capitan Iardella affranto sulla panchina a fine partita, è l'immagine di chi sa di avere sprecato una grande occasione. Partita maschia che ha visto molte uscite per 5 falli, i primi a farne le spese sono stati i locali, che hanno visto uscire dal campo, Montanari al minuto 25, Andrea Campiello al minuto 33 e Demartini a 1'18'' dalla sirena, Piombino può rimpiangere anche questo, il non aver saputo sfruttare al meglio le importanti uscite dal campo dei biancorossi di casa. Ma, sembra un paradosso, l'uscita più pesante è stata quella di Procacci, a 35'' dal termine,  il giocatore più in forma di Piombino in questo momento, che aveva riportato i gialloblu nel match dal meno 9 di inizio quarto finale. L'uscita del play romano, prima dell'azione che avrebbe potuto dare la vittoria al Basket Golfo, ha abbassato i ritmi dei gialloblu ed ha accentuato giocoforza una tendenza, peraltro emersa nell'intera partita (vedi basso numero degli assist), ad optare per soluzioni personali, che hanno peraltro anche pagato in avvio di overtime, ma che nei momenti topici, vedi finali di quarto e di supplementare, hanno prima sprecato il match point, poi il sorpasso, o la possibile parità, nei secondi finali dell'overtime.

La cronaca racconta di un avvio molto equilibrato, con Piombino che sembra però avere in mano il controllo del match, salendo anche sul più 5 coi canestri di Fratto e Persico, dopo poco più di 8 minuti, un primo quarto che si chiude sul 16 a 18 per i gialloblu, con buone percentuali di realizzazione e bel gioco di squadra. nel secondo quarto Inversione di tendenza Piombino inizia a sprecare molto in attacco e Vicenza la punisce salendo sul più 6 a 1'23'' dal riposo lungo, con bomba di Demartini e piazzato di Andrea campiello. Pronta però la reazione del Golfo, che con un Iardella che ritrova la via del canestro, si riporta avanti di uno a fine quarto, 34 a 35. Una bomba di Mazzantini, molto ben  limitato dalla difesa avversaria nel match, apre il quarto per il più 4. Corral e Campiello bloccano la fuga, ma ancora Iardella e Persico firmano il più 5, ma dopo un buon avvio di quarto, nella seconda metà Piombino si blocca e subisce un parziale di 7 a 0 che porta all'ultimo riposo Vicenza avanti di 4, 53 a 49. Iardella, con una bomba, prova a fermare l'allungo dei padroni di casa, ma uno scatenato Conte piazza i canestri del più 9 a 8' dal termine. Piombino pazientemente ricuce e con le penetrazioni di Procacci ed i liberi, si riporta in parità a 2'30'' dalla fine.Gran finale di quarto come da abitudine, dove Piombino sembra aver ripreso l'inerzia del match, riportandosi sul più uno con bomba di Fratto e sul più 2 con Procacci. Ma dopo il fallo che consentirà a Corral di pareggiare dalla lunetta, Procacci esce e dopo il timeout, con un ultima azione da giocare, Piombino decide di isolare Iardella, peraltro dimostratosi in buona serata, per la soluzione finale, ma la difesa vicentina lo chiude, costringendolo all'errore e all'overtime. Nel supplemetare, un Persico chirurgico e Iardella da tre portano Piombino sul più 5 a meno di 2' dal termine, ma Corral da tempo con 4 falli a carico, decide il match, bomba da tre su assist di Galipò, 2 su 2 ai liberi, dopo errore di Piombino in attacco e dopo un altro errore dei gialloblu, trasforma in due punti il tiro sbagliato di Quartieri. Timeout Andreazza e con 16'' Piombino si gioca l'ultima possibilità, ma Fratto sulla sirena non riesce a trovare una soluzione pulita e Vicenza porta a casa la gara.

Piombino adesso deve però chiudere subito i rimpianti in un cassetto e resettare. C'è una gara da vincere assolutamente, domenica al Palatenda, per coronare degnamente una stagione. Questa squadra merita per quanto fatto in campionato, di conquistare la semifinale e potrà farlo nel suo fortino, con un tifo che renderà l'impianto piombinese un vero inferno per gli avversari.   

Tramarossa Vicenza - Solbat Basket Golfo Piombino 78-76 (16-18, 18-17, 19-14, 16-20, 9-7)

Tramarossa Vicenza: Diego Corral 23 (5/11, 3/9), Daniele Demartini 13 (3/5, 1/1), Gianmarco Conte 12 (1/3, 2/5), Pietro Montanari 10 (1/2, 2/5), Daniele Quartieri 9 (1/4, 2/5), Enrico Crosato 5 (1/5, 0/4), Andrea Campiello 4 (1/3, 0/1), Umberto Campiello 2 (1/3, 0/0), Giorgio Galipo 0 (0/2, 0/2), Piergiacomo Rigon 0 (0/0, 0/0), Luca Contrino 0 (0/0, 0/0), Alberto Rigon 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 26 - Rimbalzi: 45 9 + 36 (Enrico Crosato 12) - Assist: 13 (Daniele DemartiniDaniele Quartieri 3)

Solbat Basket Golfo Piombino: Alessandro Procacci 17 (5/9, 1/6), Edoardo Persico 16 (4/11, 0/0), Alessio Iardella 16 (1/6, 4/9), Francesco Fratto 14 (4/14, 1/4), Saverio Mazzantini 5 (0/3, 1/1), Camillo Bianchi 4 (0/0, 1/2), Edoardo Pedroni 2 (1/2, 0/1), Alessandro Riva 2 (1/1, 0/0), Tommaso Molteni 0 (0/0, 0/0), Yuri Bazzano 0 (0/0, 0/0), Niccolò Pistolesi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 28 - Rimbalzi: 40 5 + 35 (Francesco Fratto 9) - Assist: 7 (Alessandro ProcacciAlessio Iardella 3)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

LE ALTRE: Vigevano e Cesena debbono andare a gara tre
Le dichiarazioni di coach Andreazza dopo Vicenza