Approfondimenti

La sai l'ultima ?

Stefano Stefanini
19.04.2018

Un tuffo nel passato per ricordare come Piombino  e Montecatini abbiano brutti ricordi riguardo l’ultima di campionato

 La storia comincia a tre giornate al termine del campionato 2015/16, quando l’odierna Montecatini ancora si chiamava Monsummano, Piombino va al Palaterme, precede Monsummano di soli due punti, i termali sognano l’aggancio, forti anche della vittoria a Piombino nel girone di andata  e invece con un successo strappato negli ultimi secondi, che fa impazzire di gioia i molti tifosi presenti, il Golfo si lancia verso le zone alte della classifica, per i pistoiesi sarà l’inizio del tracollo.  

Ma il 23 Aprile, data in cui si gioca l’ultima giornata accadde il misfatto. I termali hanno comunque la grande occasione di partecipare per la prima volta nella loro storia ai playoff di serie B, se la giocano Palaterme contro San Miniato. Ottavo posto con due punti di vantaggio sui pisani. Il fattore campo e una super squadra con Scarone, Tempestini, Sgobba, Giarelli, Tommei, Petrucci e Maggiotto  al confronto con la matricola sanminiatese, in cui le uniche stelle sono Bertolini e Stefanelli, lasciano presagire un facile successo dei termali. Due punti darebbero loro la matematica certezza dei playoff, ma le mani tremano, il pallone scotta e gli ottimi tiratori a disposizione di coach Niccolai sparano a salve e così San Miniato vince 80 a 72 e per Scarone e compagni svanisce il sogno playoff.

Sorte forse peggiore, ma che ricordiamo sicuramente meglio, quella di Piombino con Faenza, con i romagnoli “platonicamente” in lotta per la salvezza, poiché anche in caso di sorpasso di Oleggio, in un eventuale playout avrebbero affrontato la cenerentola Cus Torino (4 punti in 30 partite). Gialloblu che invece con la vittoria avrebbero avuto la certezza del terzo posto, un traguardo storico per i gialloblu. Palatenda pieno all’inverosimile, tifo da paura ma la  squadra si sfalda, i faentini sono più motivati e Piombino che pensa di vincere solo affidandosi alla sua grande potenzialità in attacco, dimenticandosi di difendere, finisce con la sconfitta e ben 95 punti subiti, addio terzo posto, Cecina e Cento finiscono davanti.

Domenica prossima sarà una finale secca, chi vince fra Montecatini e Piombino conquista l’ambito quarto posto, dietro le tre superfavorite del campionato e potrà cancellare quell’amaro finale di due anni prima. Se analizzassimo i freddi numeri è dura per i gialloblu, una sola vittoria nelle ultime cinque gare, contro le tre dei termali, i termali in casa hanno vinto undici partite su quattordici e sono il secondo miglior attacco del torneo con 79 di media e la seconda difesa con 66, mentre il Golfo fuori casa ha vinto solo sei volte e contro le ultime sei della classifica, quindi Montecatini decisamente favorita. Ma altri fattori ci dicono che spesso i favori del pronostico  e la relativa pressione psicologica, giocano brutti scherzi, come abbiamo raccontato in questo articolo.

Stavolta però il destino non potrà essere comune, una gioirà e l’altra piangerà, ma ci sarà pochissimo tempo per le emozioni, sette giorni e poi ci si tufferà nei playoff, dove la delusione potrebbe trasformarsi in folle gioia o viceversa, un degna appendice di campionato per due squadre che, comunque andrà, hanno disputato un campionato eccellente, di cui i rispettivi tifosi potranno solo essere fieri.

Le possibili avversarie playoff dei gialloblu
Presentazione ultima di campionato: Ultimo turno con tre finali secche