Le altre

"LE ALTRE" Empoli, Sangiorgese, Oleggio e Alba capoliste inaspettate

Stefano Stefanini
15.10.2018

Sorprendono le sconfitte casalinghe di Cecina e Pavia, ma anche quelle esterne pesanti di Piombino e Vigevano

Omegna dopo aver sofferto con Cecina, si ripete a San Miniato vincendo di un punto dopo un supplementare, 75 a 76. Ancora senza Samoggia, Ghizzinardi si appoggia alle potenti spalle di Balanzoni e Arrigoni, rispettivamente con 24 punti e 9 rimbalzi e 20 e 8 e all’estro di Alessandro Grande che ne segna 16, quasi nulla dagli altri in attacco. San Miniato parte benissimo e conduce a lungo, con un Magini infallibile da tre (4 su 4 e 13 punti e 6 assist), ben spalleggiato da Benites e Nasello, che oltre a segnare, prendono insieme 16 rimbalzi. San Miniato ha per due volte la palla della vittoria con Lasagni a fine ultimo quarto e con Mazzucchelli a fine supplementare, due ottimi tiratori che però stasera non la mettono mai (1 su 11 da tre).

A Empoli seconda vittoria consecutiva, 87 a 69 su un Varese che recupera il miglior Planezio, 23 punti e 4 assist, ma ancora utilizza col contagocce il lungo Rosignoli e si sente l’assenza sotto le plance (38 a 30 i rimbalzi per Empoli), si conferma gran realizzatore Passerini, con 16 punti. Dopo un buon avvio di Varese (+8) e il pronto recupero di Empoli con Giarelli e Raffaelli sugli scudi, 19 punti, 8 rimbalzi e 4 assist il primo e 16 punti per il giovane play, la partita resta in equilibrio fino a fine terzo quarto dove una bomba di Corbinelli (3 su 5) dà il via ad un parziale di 23 a 5 che chiude il match.

Alba travolge 94 a 72 la Virtus Siena, già dal primo quarto il più 17 dei piemontesi spenge ogni speranza dei toscani, troppo inconsistenti sotto le plance (45 a 21 i rimbalzi), non basta l’assenza di Nepi a giustificare una così brutta prestazione e anche in termini offensivi, solo nel quarto finale, dopo il meno 33 (81 a 48) la squadra di coach Tozzi trova qualche canestro in più, con Imbrò quasi unico a centrare la retina dalla distanza (4 su 6 19 punti). Per Alba bona prestazione di squadra, con Antonietti su tutti, 22 punti (9 su 10 da due) e 6 rimbalzi, il lungo Tarditi prende 12 rimbalzi e Dell’Agnello stavolta fa “solo” 14 punti.

Sangiorgese corsara a Pavia, 73 a 84 il finale, l’assenza di Iannilli pesa come un macigno, Crespi, buona la sua prova (13 punti e 6 su 8 da due) e Spatti (14 punti e 7 rimbalzi) provano a non farla pesare, ma Pavia perde nettamente ai rimbalzi (24 a 35). Sempre sotto nel punteggio con Mascherpa ben marcato, ci prova Di Bella (19 punti 3 su 4 da tre) a caricarsi la squadra sulle spalle, ma la freschezza dei giovani di coach Quilici ha la meglio, i giovanissimi play Rota e Roveda che, oltre a dettare i tempi, segnano 14 e 13 punti, Toso e Di Ianni a raccoglier rimbalzi (8 ciascuno) e “nonno” Parlato segna a raffica 17 punti con 3 su 6 da tre. Solo nell’ultimo quarto (29 a 20) Pavia riesce ad evitare un parziale più pesante.

Rialza la testa Montecatini, demolendo Vigevano per 93 a 75, trascinata da tre grandi protagonisti, Migliori con 28 punti e un fantastico Gianluca Giorgi (nella foto) 25 punti con 7 su 7 da due e 11 su 11 ai liberi, a servirli a dovere ci pensa capitan Meini, 9 assist e 11 punti. Anche qui avvio travolgente dei termali che chiudono i primi due quarti sil 47 a 23 con partita già in cassaforte, buone prestazioni anche per Cipriani precisissimo al tiro e Moretti che segna 9 punti prendendo altrettanti rimbalzi, specialità dove Montecatini domina (40 a 24). Si ferma la corsa di Vigevano, che dopo tantissimo tempo (41 vittorie consecutive fra C e B) perde una partita, nel grigiore generale si salva Verri 17 punti con 4 su 7 da tre.

Riprende una boccata di ossigeno Firenze, battendo il Domodossola 63 a 47, fra i domesi oltre a D’Andrea, anche l’assenza pesante di capitan Serroni. Viola che dopo due quarti buoni 42 a 22, sembrano accontentarsi e risparmiano energie segnando solo 21 punti nei restanti. Domo senza il suo migliore terminale offensivo si affida a Tempestini, 12 punti che da solo prova a tenere in partita i suoi ( 0 assist)e trova la buona serata del giovane Avanzini 13 punti con 8 rimbalzi, con il tiratore Tommei ancora in ombra (1 su 7) e senza un lungo solido, saranno problemi per coach Valli.

Valsesia espugna il Pala Poggetti di Cecina per 80 a 69. Vittoria meritata dei piemontesi che dominano sotto i tabelloni, 43 a 30 i rimbalzi, con Gloria che ne raccoglie 15 e fa 7 su 12 da sotto (17 punti). Partita equilibrata fino ad inizio terzo quarto, dove Gigena, il migliore dei suoi con 21 punti segna il canestro del meno 4, ma nei successivi 10’ Cecina viene travolta da un parziale di 28 a 12, più 22 e partita in pratica finita. Valsesia martella con insistenza ed efficacia da tre (15 su 37), il lungo Panzieri ne mette 4 su 5 (18 punti), Criconia 4 su 7 (14 punti), Cernivani 4 su 11 (16 punti) e Ouro Bagna 2 su 4, inutili i 12 punti del giovane Mennella, ancora una buona prova per lui e il tentativo di recupero di Cecina (-9 a 4’ dalla sirena).

Il video della partita ad Oleggio
Gli highlights dei gialloblu in Oleggio vs Basket Golfo