Cronache

Gli anticipi: Vola Oleggio, sorprende Siena

Stefano Stefanini
07.04.2019

Risultati a sorpresa a Varese e Siena, si riapre la lotta per l’ottava piazza dei playoff

Cade la capolista Piombino a Varese, ma rimane ancora in testa, in attesa di Montecatini Omegna, con i piemontesi che però in caso di vittoria, aggancerebbero i gialloblu, sopravanzandoli grazie agli scontri diretti e mettendo praticamente in cassaforte il primo posto, in virtù di un calendario che nelle ultime due gli riserva, Domodossola fuori e Pavia in casa. Piombino quindi per conservare speranze di primo posto deve tifare Montecatini, altrimenti dovrà, fra Sangiorgese in casa e Empoli fuori, cercare i due punti che mancano per il secondo posto, oppure sperare un passo falso della Fiorentina.

A Siena accade quello che meno ti aspetti, un Empoli che doveva assolutamente capitalizzare questo incontro, perde 81 a 76 contro una Virtus Siena, a cui forse nemmeno serviva una vittoria per garantirsi i playout, visto i difficili impegni di Domodossola. Siena che arrivava da 6 sconfitte consecutive, con Simeoli in pratica ancora ai box, contro un Empoli arrivato al completo ed in buona salute. Partita che rilancia le speranze playoff delle inseguitrici Empoli e Varese e Pavia se dovesse vincere contro la Fiorentina. Empoli che parte subito male, dopo il più 2 inziale di Giannini, dovrà infatti inseguire tutta la partita, con le bombe di Imbrò, Olleia e Casoni, Siena scava un primo solco, più 9 a metà primo quarto, con 15 punti segnati in 3’. Empoli con Raffaelli e Giannini, i suoi uomini migliori a Siena (18 punti e 6 assist il primo e 15 con 3 su 4 da tre il secondo) chiude il divario ad inizio secondo quarto, riportandosi a meno uno, ma Siena vince anche il secondo parziale, andando al riposo sul più 8, 44 a 36. Due canestri di Sesoldi in avvio di terzo, illudono gli ospiti, ma Nepi per due volte dalla distanza gerla le speranze di rientro degli empolesi, riportando i suoi sul più 9 e con la sua terza bomba nel quarto, lo chiude sul più 10 Siena. Vantaggio che Siena mantiene agevolmente, pressochè invariato, fino al più 9 a 3’36’’ dalla sirena, Empoli perde un falloso Giarelli a metà parziale, ma Raffaelli e una bomba di Perin, mettono paura ai locali riportando i viaggianti a meno 2 a 12’’ dal termine. Nepi (nella foto), il migliore dei suoi con 18 punti e 4 assist, però nel finale mantiene la freddezza ai liberi e porta a casa per Siena due punti che sono garanzia assoluta per i playout. Per Siena buone prove anche per Olleia, 17 punti e 7 rimbalzi, Pucci con 13 e Gnecchi con 11.

Oleggio non si ferma più, contro Cecina arriva la sesta sinfonia, vittoria per 72 a 61, con allegata salvezza matematica, per la prima volta in B senza playout e aggancio all’ottavo posto, occupato da Empoli, su cui però è in svantaggio nei confronti diretti. Ora gli uomini di coach Remonti (nella foto in copertina) possono provare a realizzare un sogno, con Siena in casa all’ultima giornata e Empoli atteso da Fiorentina e Piombino, il sorpasso sui toscani non è impossibile. Cecina, con questa sconfitta, lascia le ultime speranze alla matematica, quattro i punti che la separano da Valsesia, che dovrebbe agganciare per sopravanzarla e guadagnare il fattore campo ai playout, missione difficile, ma ancora non impossibile, vista la condizione dei piemontesi e un calendario nettamente più difficile di quello dei toscani. Locali senza capitan Gallazzi e ospiti senza Mennella, Oleggio ha la meglio in virtù di una netta supremazia nell’area e sotto le plance (53% contro 38% da due e 38 a 29 i rimbalzi). Il migliore fra i biancorossi è il play Valentini (nella foto), con 17 punti (6 su 8 da due), 5 rimbalzi e 4 assist, ben coadiuvato, dal suo cambio, Parravicini con 12 e dalle solite colonne, Hidalgo con 14 punti e 7 assist e Pilotti con 13. Nelle fila dei toscani vanno a segno in pratica solo in 5, Cicchetti con 14 punti e 7 rimbalzi, Graziani, il migliore, con 13 punti, 7 rimbalzi, 3 recuperate e 4 assist, Murolo e Salvadori con 11, con il secondo, unico a trovare la via del canestro dalla distanza (3 su 5) e Gaye con 10, con 8 rimbalzi e 3 recuperi. Oleggio controlla il match, aggiudicandosi tutti e quattro i quarti, 20 a 16, 21 a 18, 13 a 10 e 18 a 17.

Piombino stavolta paga dazio nel quarto finale
LE ALTRE: Omegna torna in vetta