Cronache

Piacenza va alle final four, la Virtus Siena torna in serie B

Stefano Stefanini
03.06.2018

Omegna e Pielle accomunate nella delusione, seconda promozione mancata per entrambe, sempre perdendo in finale

Omegna conduce per quasi tutto il primo quarto, si segna poco e i rossoverdi non salgono mai oltre il più 4, con Santiago Bruno che con 2 bombe impedisce la fuga degli ospiti, nel finale un rimbalzo su errore dai liberi mette Stanic in grado di segnare i suoi primi due punti ed il primo sorpasso piacentino, 14 a 13. In avvio di secondo quarto ancora con Stanic e con i canestri del giovane Guerra, i padroni di casa si portano sul più 7. Omegna non trova mai il canestro dal campo, chiuderà il primo quarto col 25% da due e da tre, ma coi liberi riesce a riportarsi sul meno uno a metà parziale, ma colui che sarà il grande protagonista di gara 4 con 19 punti e 4 assist, Stanic, mette due bombe consecutive e un libero per il più 8. Dall’altra parte è Torgano con 5 punti nel finale a non far scappare Piacenza, si va al riposo sul 31 a 25. Avvio di terzo quarto disastroso per Omegna, 4 punti di Pederzini, e 5 di Bruno con bomba (3 su 7) per il più 15, entrambi chiuderanno con 13 punti all’attivo, una bomba di Arrigoni, dopo il più 16 di Perego, blocca la fuga e gli ospiti ricuciono lentamente lo svantaggio fino alla bomba di chiusura di Torgano, per il 48 a 40. Perego nella serata in cui segnerà meno (7 punti), in avvio di quarto finale con un due più uno da il la per un nuovo allungo dei suoi, che Birindelli fissa sul più 15 a 5’43’’ dal termine. Sembra lo strappo decisivo, a 4’ dal termine Piacenza è ancora avanti di 14, ma i canestri di Bruni, 13 punti e 7 assist per lui e Benedusi, riportano a meno 7 Omegna. Ancora il play ex Cecina mette paura a coach Coppeta e con una bomba a 51’’  dal termine segna il meno 5 e ancora Benedusi dalla distanza fa meno 4 a 19’’ dal termine, ma non bastano queste prodezze a salvare Omegna, Piacenza vince meritatamente 66 a 62 e vola a Montecatini per la final four.

A Siena parte bene la Pielle, bomba di Dell’Agnello, ma sarà l’unico vantaggio di Livorno in tutta la partita, nonostante l’uscita già nei primi minuti di Simeoli con due falli, i livornesi non riescono a sfruttare la supremazia sotto canestro e Siena dalla parte opposta opta per le soluzioni dalla distanza, tirando con medie stratosferiche, nel primo quarto farà 9 su 19 (47%), con Olleja che fa 3 su 5 (17 punti nel match) e Nepi e Bianchi 2 su 4, nonostante ciò Livorno con un canestro di Benini a pochissimo dal termine va sul meno uno, chiude il primo quarto la bomba di Olleja, 18 a 14. Siena stavolta trova anche punti dalla panca, il subentrato a Lenardon, Ceccatelli piazza la prima bomba del quarto e Pucci realizza canestri importanti, saranno 12 al termine, Massoli e Dell’Agnello tengono in corsa Livorno col meno 2 a 4’ dalla sirena, ma due bombe consecutive di Bianchi rifissano il più 8 per la Virtus, vantaggio che Siena incrementa con Pucci e la bomba di Nepi per il più 13 a 2’ dal riposo lungo. Nei secondi finali la Pielle difende forte, domina ai rimbalzi (28 a 19) e dalla lunetta e con la bomba sulla sirena di Massoli, chiude sul meno 6, 38 a 32. Ad inizio terzo quarto però Livorno fa harakiri, dopo i canestro di Simeoli ed Olleja in apertura, un fallo di reazione porta all’espulsione di Dell’agnello, fino ad allora il migliore dei suoi con 10 punti e qui si spenge la luce per i labronici che in 9 minuti e mezzo segnano solo due punti dalla lunetta, facendo anche clamorosi errori al tiro. Siena invece tira ancora benissimo, chiuderà col 41% da tre, con Imbrò che fa 4 su 7 e segnerà 16 punti e arriva fino a più 23, chiudendo il quarto sul 59 a 39. Il quarto finale serve solo per la statistica e segna il 75 a 57 finale per la gioia dei senesi, che conquistano ad un anno di distanza dalla retrocessione, di nuovo la serie B.

Piacenza per la finale e sfida senza domani fra Virtus e Pielle
Presentazione squadre final four di Montecatini