Cronache

Gli anticipi

Stefano Stefanini
03.11.2019

Sovvertiti i pronostici, tutte vittorie delle squadre con meno punti in classifica

In una partita caratterizzata dal grande agonismo e dagli errori, 27 a 31 i falli e 19 a 21 le palle perse, Alessandria sovverte il pronostico e batte Cecina, interrompendo una serie di 4 sconfitte. Per Cecina Gay è gioie e dolori, spesso determinante, ieri segna 13 punti soltanto, con 1 su 9 da tre, prova a dargli man forte Salvadori, il migliore dei rossoblu, con 16 punti e 6 rimbalzi, ma non basta contro la verve dei due trascinatori di questa Alessandria, Serafini che va in doppia doppia, con 18 punti e 12 rimbalzi e Zampogna, 15 punti e 5 assist, bene anche capitan Lemmi con 14 e 5 su 7 dal campo. Netta la supremazia dei piemontesi sotto i tabelloni, 37 a 26 i rimbalzi. Alessandria comanda per tutta la gara senza mai ammazzare la partita, ma sempre in controllo, con Cecina che non raggiunge mai la possibile quota aggancio.

Empoli incappa nella giornata nera di tre suoi pilastri, Giarelli, Caceres e Gaye e perde in casa contro un Palermo trascinato da un Caronna devastante, 21 punti e 13 rimbalzi e nella serata storta al tiro di Duranti, ci pensano Minoli e Di Viccaro a bombardare dalla distanza la difesa empolese, i siciliani chiuderanno col 42% da tre. Raffaelli prova a compensare le carenze dei suoi compagni, ma i suoi 24 punti non bastano a salvare i biancorossi di casa. Empoli che rimedia anche ad una partenza con un meno 11, con un secondo quarto da 28 a 10, ma dal rientro dagli spogliatoi, agli empolesi si spenge la luce per 2’ ed è parità. Equilibrio che rimane fino a pochi minuti dal termine, dove Empoli non segna più, Di Viccaro prende per la mano Palermo e l’accompagna alla vittoria. Due punti che rilanciano i sogni playoff di Palermo, secondo stop consecutivo casalingo per Empoli.

Piombino "senza difesa"
Il video di Oleggio