Approfondimenti

Il punto della situazione a nove giornate dal termine

Stefano Stefanini
13.02.2019

Un focus sulla corsa ai primi quattro posti, che potrebbe vedere Piombino protagonista

Con 18 punti ancora da assegnare, la matematica non può dare ancora sentenze, quindi di potrebbe dire tutto ancora aperto, ma la classifica ora è più delineata. Le prime quattro, o per organico, vedi Fiorentina e Omegna, o per continuità e solidità di rendimento, vedi San Miniato e Piombino sembrano superiori al resto del gruppo e quindi sarà molto probabilmente una lotta fra loro, per le quattro piazze che danno il vantaggio del fattore campo nei quarti di finale. Il loro calendario (riportato qui sotto) le vede a pari condizione per giocate in casa e fuori.

Omegna ha la parte più difficile fino alla sfida con Piombino e poi ha un percorso teoricamente in discesa. Deve infatti affrontare tre trasferte, nelle prossime 5 gare, il cui esito dirà molto sulla sua posizione finale, San Giorgio, Vigevano e Piombino. Su di lei, come sulla Fiorentina, peserà anche l’impegno alle finali di Coppa Italia, prestigio, ma anche tanta fatica, per una kermesse che potrebbe veder giocare tre partite in 3 giorni, cosa che non peserà invece su Piombino e San Miniato. Negli scontri diretti gli uomini di coach Ghizzinardi godono di un buon vantaggio su quasi tutte, sono infatti uno a uno con la Fiorentina, ma in  svantaggio nella differenza canestri, due a zero su San Miniato e uno a zero e più 14 su Piombino.

La Fiorentina ha lo svantaggio di aver già fruito del bonus Siena/Domodossola, ma anche il vantaggio di aver già disputato tutti gli scontri diretti con le prime, dove, come detto, è sopra per differenza canestri con Omegna, sotto per due a zero contro Piombino e uno pari con San Miniato, con cui è pari anche come differenza canestri. Quindi in caso di arrivi a pari merito non è favoritissima e questo, aggiunto ai due punti attuali di svantaggio, potrebbe essere un handicap nella classifica finale. Il suo calendario prevede gli impegni più difficili nel finale, con le trasferte a Vigevano, Pavia e Alba, ma insidie anche a Cecina, contro una squadra in forte ripresa e a Valsesia, dove i viola non hanno una tradizione particolarmente favorevole (1 vittoria su 4).

San Miniato, che ha anche lui già affrontato le ultime due della classifica, oltre alle insidie trasferta, dove però è la squadra migliore del campionato, con 7 vittorie su 10 viaggi, anche in casa ha scontri non semplici, come il super derby con Empoli o le sfide con Vigevano e lo scontro diretto con Piombino, con cui all’andata ha perso di 8. Anche gli uomini di coach Barsotti, come la Fiorentina, sarebbero probabilmente penalizzati in caso di arrivo in parità.

Piombino ha un calendario abbastanza agevole fino a prima della sfida con Omegna, con la partita con Alba in casa e la trasferta di Valsesia, che sembrano le più insidiose e poi un finale difficile, con 3 trasferte nelle ultime 4 gare, fra cui lo scontro diretto con San Miniato. Possiamo azzardare a dire che la partita con Alba, potrebbe essere quella che dà la garanzia di un posto fra le prime quattro, Omegna una sfida pazzesca alla caccia di un incredibile e magari provvisorio primo posto e a San Miniato che sarà comunque una supersfida, difficile ora dire per quale obiettivo. Per i gialloblu negli scontri diretti difficile ribaltare il meno 14 su Omegna, più possibile rimanere avanti con San Miniato, partendo dal più 8 dell’andata e molto buono il vantaggio sulla Fiorentina, con 2 a 0 e più due in classifica (sotto la tabella con i risultati negli scontri diretti).

Dietro alle quattro, Alba sembrerebbe l’unica a poter ancora insidiare le squadre che la precedono (sotto il calendario delle tre più vicine), ma è attesa consecutivamente dalle trasferte di Piombino e Omegna, solo uscendo con almeno una vittoria da quei campi, potrebbe ambire ad un posto fra le quattro, sempre ammesso che faccia il pieno in precedenza, a Valsesia e in casa con Vigevano.

Quindi possiamo dire più probabile per lei, un ruolo di favorita nella corsa alle altre quattro piazze per i playoff, che vedono coinvolto un gruppone numeroso, che parte dai 26 di Alba ai 18 di Oleggio.

Corsa a due invece per il tredicesimo posto, ovvero per il vantaggio del fattore campo ai playout, fra Montecatini e Cecina, con qualche rischio ancora anche per Oleggio che le precede non di moltissimo.

Rischio playout allargato a molte visto che attualmente l’ultima piazza è occupata da Oleggio che ha Pavia e Valsesia vicinissime, con Empoli e Varese poco sopra.

Lottano invece per evitare la retrocessione diretta le sole Virtus Siena e Domodossola, con Siena attualmente favorita, ma che ha perso a Domo e quindi lotta che rimane aperta.

Under 14 Femminile: Baloncesto Firenze vs Pallacanestro Piombino 39 – 47
I NOSTRI AVVERSARI: Virtus Siena