Approfondimenti

Il Basket Golfo Piombino scalda di nuovo il Palatenda per il match delle 18 contro San Miniato

Daniele Perini
17.03.2018

All’andata fu la gara del rientro di Procacci che, dopo essere mancato con San Giorgio, con i suoi 16 punti stese i padroni di casa del parquet di San Miniato. Fu una buona partita per tutto il gruppo di coach Andreazza, da Fontana, passando per Bianchi e Persico, fino ad arrivare a Iardella. Iardella che oggi è al probabile rientro e che potrebbe aiutare ad indirizzare una partita che il Golfo non si dovrà far fuggire di mano. A cinque giornate dal termine la situazione è delicata in classifica con un ordine che si presta a subire delle modifiche sostanziali ad ogni turno che separa le squadre dalla composizione del tabellone dei playoff.
Si parte da un’altra gara in casa, dopo la decima vittoria contro Omegna, la pausa e la sconfitta a San Giorgio: “Domani un’altra partita complicata, San Miniato è una squadra in salute. - dice nell’intervista pre partita coach Andreazza - Hanno vinto bene ad Oleggio ed hanno perso di poco con Montecatini che è una squadra molto forte. Stanno lottando per cercare di evitare la lotteria dei playout. Hanno un roster lungo, senza magari qualche nome di spicco, come è stato nelle passate stagioni, ma sono un gruppo di giocatori forti, di categoria ed esperti. Sono coscienti del fatto che tutte le partite sono battaglie. Affrontano le sfide con lo spirito di togliersi dalle sabbie mobili che sono i posti di media e bassa classifica, merito anche della filosofia del loro coach Barsotti, uno dei più capaci della categoria, molto bravo a far vedere il suo approccio e il suo tocco anche nell’atteggiamento con cui le sue squadre combattono, con grande trasporto emotivo.” E troveranno un ottimo gruppo con il quintetto che molto probabilmente sarà formato da: Tempestini, Zita, Bertolini, Chiriatti e Nasello presentando due portatori di palla molto abili nella gestione dei possessi, un esterno che coordina perfettamente la manovra di attacco con un gioco da swingman e Chiriatti e Nasello che dentro l’area proveranno a dire la loro contro i soliti, agguerriti, Malbasa e Persico.
“Noi siamo arrabbiati - continua il coach - perché abbiamo perso un’altra occasione, aldilà dei due punti lasciati a San Giorgio, che per la condizione in cui eravamo ci poteva stare di perderli, più che altro per aver perso l’occasione di provare a crescere ed essere un po’ più solidi in trasferta. Adesso però abbiamo voltato pagina, come abbiamo sempre fatto quest’anno, e sappiamo che ci aspettano cinque finali e, se vorremo mantenere salda la nostra posizione, dovremo affrontarle una alla volta e giocando con durezza sia fisica che mentale e psicologica. Siamo nella condizione ideale perché sappiamo di aver fatto una grande annata, conosciamo quali erano i presupposti di partenza, siamo cresciuti molto nel corso di un’ottima annata, a prescindere da quale sarà la posizione alla trentesima giornata. Qualunque cosa succeda da qui alla fina in nessun modo dovrà intaccare il lavoro fatto dai ragazzi, dallo staff e dalla società, tutto l’ambiente insomma visto che quando le cose vanno bene vuol dire che tutti vanno nella stessa direzione. La tranquillità di aver fatto un buonissimo anno ci deve dare la serenità per giocare senza aver nulla da perder; non vuol dire essere rilassati e giocare soft, vuol dire che sono gli altri che devono sentirsi in difficoltà, noi dobbiamo rimanere calmi e giocare bene. La qualità del gioco, con la squadra al completo, è venuta fuori ed in queste cinque partite dobbiamo proseguire con la linea che abbiamo adottato in casa e rialzare la testa, dopo alcune partite difficili anche in trasferta che affronteremo al meglio, solo alla trentesima giornata."


La rubrica "I nostri avversari" di Stefano Stefanini questa giornata non sarà disponibile all'interno di "3 secondi", il periodico del Palatenda, ma ve la presentiamo a seguire: 

#6, ANDREA ZITA, PM - 185cm - 1991;
Cresciuto nelle giovanili di Pistoia, gioca sempre in C, fino alla promozione in B con l’Etrusca. Buon distributore di gioco, ama giocare in velocità, non grandissimo tiratore. Nel 2017/18 ha segnato 4.9 punti in 24’ col 347% da due, col 31% da tre e col 66% ai liberi e 3.2 di valutazione.

 

#2, TOMMASO TEMPESTINI, PM/G - 180cm - 1991;
Per lui una carriera quasi tutta in B, con un passaggio ad Omegna in categoria superiore nel 2009/10. Nel mercato estivo era approdato alla Libertas Livorno, lasciandola dopo un breve periodo di preparazione. Play esperto e dotato di grande dinamismo, buon tiratore dalla distanza e ottimo assistman. Nel 2017/18 ha segnato 10.8 punti in 27’ col 39% da due, col 28% da tre e col 85% ai liberi, 3.9 gli assist, con 3.2 perse è il peggiore del girone e con 8.9 di valutazione. 

 

#66, ANDREA CHIRIATTI, ALA - 198cm -1993;
Lascia per la prima volta la Puglia dove ha quasi sempre giocato con Bisceglie, giocatore che subisce molti falli, ma non ha medie eccezionali ai liberi, solo un anno in doppia cifra in B. Nel 2017/18 realizza 7.4 punti in 24’ col 57% da due, col 27% da tre e col 69% ai liberi, 3.9 i falli subiti, 3.6 i rimbalzi e 7.9 la valutazione.

 

#7, FERDINANDO NASELLO, ALA/CENTRO - 194cm - 1995;
Prodotto Virtus Siena, ottimo sotto le plance sia ai rimbalzi (6.3 nella sua prima in B) che nelle percentuali da due, bravo nel recuperare palloni (2.5 nel 2016/17). Nel 2017/18 realizza 9.4 punti in 24’ col 60% da due è il secondo migliore del girone, col 25% da tre e col 59% ai liberi, 4.6 i rimbalzi, e 9.2 la valutazione.

 

#9, ROBERTO BERTOLINI, C - 198cm - 1986;
Giocatore di grandissima esperienza e costanza di rendimento, con un’intera carriera in B. Buon realizzatore , tira da tutte le posizioni, quasi sempre doppia cifra per lui.. Nel ha segnato 10 punti in 24’ col 45% da due, col 24% e col 76% ai liberi, con 4.2 rimbalzi 7.4 di valutazione.

 

#11, ALBERTO BENITES, PM - 184cm - 1997;
Al secondo anno in B, giocatore molto rapido e buon tiratore dalla distanza.  Nel 2017/18 ha segnato 4.9 punti in 147’ col 46% da due, col 33% da tre e col 70% ai liberi e 3.2 di valutazione.

 

#10, ANTONIO BRIGHI, PM/G - 192cm - 1996;
Cresciuto nelle giovanili di Ravenna, in estate approda alla Sangiorgese, ma prima dell’inizio del campionato la lascia. Nel 2017/18 ha giocato 9 partite e segnato 6.6 punti in 20’ col 43% da due, col 18% da tre e col 75% ai liberi, 3.3 i falli subiti e 5.3 di valutazione. 

 

#8, NERI MATTEO, G - 191cm - 1998;
Giovanili a Moncalieri e debutto in B con Siena nel 2016/17. Nel 2017/18 ha segnato 2.8 punti in 14’ col 53% da due, col 25% da tre e col 86% ai liberi, 2 i rimbalzi, e 3.2 di valutazione.

 

#3, OLIVIER GIACOMELLI, ALA - 198cm - 1995;
Giovanili fra Moncalieri e Biella, buon realizzatore, tira bene da tre e grazie ad un buon fisico bene anche nel tiro da due e ai rimbalzi. Nel 2017/18 ha segnato 9.6 punti in 22’ col 51% da due, col 26% da due e col 67% ai liberi, 4.7 i rimbalzi, 1.2 le recuperate e 9 di valutazione.

 

#22, STEFANO CAPOZIO, ALA/CENTRO - 196cm - 1993;
Prodotto del vivaio, in crescita per minutaggio negli ultimi due anni in B.  Nel 2017/18 ha segnato 1.8 punti in 92’ col 33% da due e col 73% ai liberi, 1.7 i rimbalzi e 1.3 di valutazione.

3 Secondi - numero XIV
Inatteso stop casalingo del Basket Golfo