Cronache

Gli anticipi

Stefano Stefanini
27.10.2019

Firenze sesta vittoria, capolista solitaria,Omegna travolgente e San Miniato corsaro

La Fiorentina contro Oleggio, si può anche permettere la giornata no al tiro dei suoi due migliori realizzatori, Poltronieri (2 su 6 dal campo) e Passoni (2 su 12 da tre), che però compensa con 6 rimbalzi, 7 recuperate e 5 assist. Infatti Firenze nei primi due quarti comanda la gara, ma non stacca mai gli avversari, segnando solo 28 punti. Poi trova alternative nei giovani Bargnesi, Tintori, Filippi e in capitan Berti, miglior realizzatore con 15 punti. Oleggio marca una leggera superiorità ai rimbalzi, ma perde 23 palloni e sbaglia troppo dalla distanza, 2 su 19 da tre. Per gli uomini di coach Niccolai è la sesta vittoria consecutiva, Oleggio rimane invece ferma a quota 2.

Lucca senza Vico fa un enorme fatica per battere una generosa Alessandria trascinata dai soliti Zampogna, 18 punti, Serafini 15, che stasera trovano una spalla notevole in Paoli 16 punti, Alessandria combatte alla pari per tutto il match, nonostante la netta inferiorità ai rimbalzi, 42 a 26 per Lucca e subisce il sorpasso decisivo solo nei secondi finali. Lucca, dopo un buon avvio di Genovese, si affida a Petrucci, autore di 18 punti e nel finale risulteranno decisivi i canestri di Banchi e del giovane Okiljevic (11 con 3 su 4 da tre). Lucca stacca così Alessandria salendo a quota 4 in classifica.

Costa D’Orlando regala un quarto agli avversari e con esso la vittoria, fra la fine del primo quarto e quella del secondo, 10’ senza segnare ed un parziale di 23 a 0 per San Miniato, da più 9 a meno 14, la partita è tutta lì. Buona partenza dei padroni di casa con Di Coste incontenibile, poi rimane in campo a lottare il solo giovanissimo Ferrarotto, autore di 19 punti e San Miniato dilaga con Tozzi e Caversazio su tutti, 18 punti il primo e 16 il secondo. Costa D’Orlando, in totale confusione conta 22 palle perse e viene superata in classifica dai pisani, che salgono a quota 8.

Tutto facile per Omena contro un Alba che sconta l'assenza di Antonietti, partita senza stroia e in pratica già chiusa nel primo quarto. Unica soddisfazione in casa albese è per il lungo Tarditi, che con 20 punti all'attivo e 11 rimbalzi, impatta la sfida col pari ruolo Balanzoni. Omegna sale a quota 8 a due punti da Firenze, staccando di due punti Alba.

Il Golfo vuol tornare subito a correre
Intervista al coach di Valsesia Domenico Bolignano