Cronache

Piombino riassapora il dolce gusto della vittoria

Stefano Stefanini
24.11.2019

Battuto un Empoli come sempre ostico e mai domo, con un finale da brividi

Missione compiuta, con qualche minuto di paura nel finale, ma Piombino riesce a battere Empoli e ad interrompere il momento negativo che stava attraversando. Una vittoria importantissima per il morale della squadra, che aveva assolutamente bisogno di un’iniezione di fiducia, ma che come ha sottolineato Andreazza nel dopo match, non fa magicamente sparire ogni problema. C’è ancora molto da lavorare per permettere alla macchina gialloblu di sprigionare tutta la potenza del suo motore, ma vittoria che ci voleva assolutamente anche per la classifica, per non veder scappare le squadre che la precedono. Piombino così rimane a 4 punti dal quarto posto, battendo una possibile concorrente a quella posizione e rientra in zona playoff.

Un Piombino ancora una volta incerottato, con Procacci che non si è allenato tutta la settimana per problemi alla schiena, schiera in partenza Iardella da play al posto suo. L’approccio al match è qualcosa su cui ancora lavorare, come spesso è accaduto, Piombino ci mette un po’ ad aggiustare la difesa e nei primi 5’ prende 13 punti da Empoli, che colpisce con facili tiri dalla media, di Raffaelli e Giarelli e con le penetrazioni di un esplosivo Giannini, andando al massimo vantaggio della gara, più 7. Andreazza non rischia oltre e mette in campo Procacci, per dare più brillantezza all’attacco e cercare di contenere gli esterni ospiti. Ma a tenere a galla il Golfo ci pensa un Sodero super, che con 4 bombe su altrettanti tentativi, riporta Piombino avanti al primo riposo, 23 a 21. Nella prima parte di gara i gialloblu trovano con relativa facilità il canestro dalla lunga distanza e al via del secondo quarto, Sodero, con la compartecipazione di Procacci, una bomba anche per lui, ne mette a segno altre due, arrivando ad un clamoroso 6 su 6 e il Golfo vola sul più 9. Il coach empolese pensa bene di marcare più duramente l’esterno piombinese, ma i locali sono entrati in fiducia e trovano canestri con un Mazzantini, che continua a mettere in mostra un eccellente condizione, con Persico che torna prepotentemente a comandare sotto i tabelloni e con Bianchi, toccando il più 10 al minuto 18. Empoli però non crolla e trovando punti da tutti i suoi effettivi, impedisce la fuga dei gialloblu, si va al riposo lungo sul 48 a 40. Al ritorno in campo Piombino pasticcia nelle prime azioni e Empoli la punisce subito, Giarelli e una bomba di Gaye, riportano i biancorossi a meno 2. Risponde una bomba di capitan Iardella e un canestro di Mazzantini, ma Gaye è on fire e dai liberi e ancora da tre, riporta a tre punti lo svantaggio dei suoi. In questo tira e molla, sono ancora la premiata ditta Sodero/Procacci, con un due più uno del primo, che brucia Giarelli sul primo passo e il secondo, che con le quattro ruote motrici e il suo morbido gancio mancino, rimette sul tabellone per due volte il più 9, distanza che resta anche all’ultimo riposo, 64 a 55. Il quarto finale però fa tornare alla mente quanto accaduto a Palermo. Piombino parte e va fino sul più 13, fissato dalla bomba di Bianchi a 8’ dal termine, ma arriva un parziale di 17 a 4 per Empoli, trascinato da Gaye e Raffaelli, per la parità dei viaggianti a 2’30’’ circa dalla sirena finale. Piombino nel frattempo ha perso per falli prima Persico e poi Iardella, ma è uno stoico Procacci a prendere per mano la squadra nei momenti finali, suoi i canestri che riportano avanti Piombino. Gaye è l’ultimo ad arrendersi e riporta i suoi a meno uno a 1’12’’ dal termine, ma dopo l’uno su due dalla lunetta di Eliantonio, la pressione di Procacci su Raffaelli, causa una fondamentale palla persa e in attacco Mazzantini, con una soluzione personale trova un canestro da due di pregevolissima fattura, per il più 4 a 40’’ dalla fine. La ciliegina sulla torta la mette ancora Procacci che, sull’azione successiva, scippa il pallone a Raffaelli e vola a canestro, facendo impazzire di gioia il Palatenda, chiudono i canestri di Giarelli e Sodero, per il 85 a 79 finale.

Finale di festa, con la torcida gialloblu che torna finalmente alla balaustra, ad abbracciare e ringraziare i suoi beniamini.

Solbat Basket Golfo Piombino - Use Computer Gross Empoli 85-79 (23-21, 25-19, 16-15, 21-24)

Solbat Basket Golfo Piombino: Guglielmo Sodero 30 (5/7, 6/11), Edoardo Persico 15 (6/8, 0/1), Saverio Mazzantini 14 (6/7, 0/2), Alessandro Procacci 14 (5/5, 1/3), Camillo Bianchi 5 (1/2, 1/2), Giacomo Eliantonio 4 (0/4, 1/4), Alessio Iardella 3 (0/5, 1/2), Alessandro Riva 0 (0/0, 0/0), Nikola Carpitelli 0 (0/0, 0/0), Niccolò Pistolesi 0 (0/0, 0/0), Tommaso Molteni 0 (0/0, 0/0), Tommaso Mezzacapo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 9 / 13 - Rimbalzi: 30 4 + 26 (Edoardo PersicoSaverio Mazzantini 8) - Assist: 7 (Alessandro Procacci 3)

Use Computer Gross Empoli: Sam Gaye serigne 17 (3/5, 2/5), Lorenzo Raffaelli 16 (4/6, 1/4), Gabriele Giarelli 15 (5/11, 1/2), Jorge manuel Caceres 11 (2/7, 1/3), Filippo Giannini 9 (3/3, 1/2), Daniele Sesoldi 9 (3/4, 1/2), Enrico Vanin 2 (1/1, 0/1), Sebastiano Perin 0 (0/0, 0/1), Alessandro Antonini 0 (0/0, 0/1), Francesco Falaschi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 21 - Rimbalzi: 30 5 + 25 (Gabriele Giarelli 8) - Assist: 10 (Filippo Giannini 4)

 

Intervista a coach Marchini dopo Golfo Empoli
Resoconto decima giornata