Cronache

Milano allunga, retrocede matematicamente la Libertas Livorno

Stefano Stefanini
25.03.2018

In zona playoff lotta accesissima con 5 squadre in due punti fra sesto e decimo posto, per i playout lotta fra Oleggio e San Miniato

La Fiorentina infila il quinto successo consecutivo e la quattordicesima vittoria casalinga asfaltando Alba per 98 a 73. Partita che dopo il primo quarto vede Alba già sotto 13 e nel secondo sotto di 18, partita finita con la Fiorentina che si rilassa in attesa della difficile e decisiva trasferta di Montecatini. Tra i viola spiccano le prove di Lucarelli autore di 24 punti con 8 su 9 da due, 2 su 3 da tre e 8 rimbalzi, di Grande, 20 punti, 4 su 5 da due, 4 su 4 da tre, 4 recuperate e 7 assist e di Genovese con 16 punti, nelle fila di Alba, Gallo il migliore con 18 punti e 3 su 3 da tre. I cuneesi ora devono cercare di recuperare i due punti persi su Varese in casa contro San Miniato ed Oleggio, cercando di approfittare delle trasferte dei lombardi a Milano e Pavia.

Milano rischia grosso a San Miniato, dopo una gara con un primo quarto equilibrato e con il primo allungo dei milanesi per il più 10 nel secondo, vede San Miniato recuperare e andare al riposo lungo sul meno 2, 34 a 36. Nel terzo Milano allunga di nuovo e va all’ultimo riposo sul più 9. Ad inizio quarto finale la bomba di Laudoni (4 su 10 per lui con 18 punti)e un canestro di Eliantonio danno il più 14, la partita sembra finita, ma due soluzioni da tre di Chiriatti e Tempestini e un centro da due di Bertolini, il migliore dei suoi con 17 punti, riportano a meno 4 i padroni di casa, ma uno zero su tre di Chiriatti e uno 0 su due di Zita dai liberi, peseranno pesantemente sull’esito finale, i biancorossi infatti anziché sorpassare Milano coi canestri di Giacomelli e Chiriatti arriva solo a meno due e un Paleari incontenibile, autore di 20 punti con 8 su 10 da due, segna i due punti decisivi, su palla persa da Tempestini, 63 a 69 il finale coi liberi di Santolamazza. Per Milano due punti fondamentali per la corsa alla terza piazza, staccato Montecatini di due e Piombino di quattro, mentre per San Miniato torna il rischio playout, domenica trasferta ad Alba, dovendo vincere, o sperando che Piombino vinca ad Oleggio, contro cui i pisani sono sotto nello scontro diretto.

La sfida playoff fra Pavia e Sangiorgese vede vincere abbastanza facilmente Pavia, 95 a 74 il finale con i pavesi che così agganciano, Cecina, Empoli e gli ospiti a quota 28, ribaltando anche il meno 4 dell’andata. Lotta per le ultime piazze playoff ora accesissima, infatti c’è spazio solo per due delle quattro, con la Sangio però ancora leggermente favorita perché è l’unica che avrà due partite in casa. Sangio che paga pesantemente l’assenza del suo leader Tassinari e nonostante le grandi prove dei suoi lunghi Lenti e Dushi, autori rispettivamente di 19 punti e 11 rimbalzi il primo e 20 punti per il classe 98 hala paggio su un Pavia in serata di vena con il 58% da due e il 50% da tre con i suoi giocatori più esperti che affondano nella difesa dei draghi, De Min il migliore con 15 punti e 12 rimbalzi, Mascherpa con 22 punti e Di Bella con 20. Gli ospiti restano in scia per 13’ , poi non riescono mai più a scendere sotto il meno 7, con Pavia sempre in controllo.

Vittoria sudatissima per Cecina contro un Oleggio che recupera Shaquille Hidalgo, 69 a 64 il finale. Nel primo quarto equilibrio assoluto 19 pari, nel secondo Cecina allunga con due bombe di Forti, il migliore dei suoi con 15 punti e 3 su 7 dalla distanza, una di Biancani e una di Salvadori, molto bene anche lui con 14 punti, 2 su 2 da tre e 8 rimbalzi, sale fino a più 13 al riposo lungo, 43 a 30. I rossoblu sembrano in pieno controllo della gara nel terzo, ma nel quarto da più 12 in sei minuti subisce un parziale di 15 a 2 e con la bomba di Shaquille, autore di 15 punti nel match, va sotto di uno a 4’ dal termine, una bomba di lasagni ridà ossigeno ai padroni di casa, ma un grande Gallazzi lo ripaga con la stessa moneta, nuovo più uno Oleggio a 3’ dalla sirena, col barbuto capitano che segnerà 23 punti. Nel finale Oleggio prova a rispondere alla freddezza di Biancani e Forti dalla lunetta col tiro dalla distanza , ma non centra più la retina e Cecina rimane così agganciata al treno salvezza. A Oleggio nel mirino resta solo San Miniato come appiglio salvezza, ma si deve guardare anche dietro, Varese è a meno 4 e ha il vantaggio dello scontro diretto.

Arriva la retrocessione sul campo per la Libertas, già prevista da tempo giunge ufficialmente con Moncalieri, che vince 67 a 61 assicurandosi i playout. Livornesi oramai alla deriva, lasciati anche da Mastrangelo e Giorgi e anche con l’assenza di Giampaoli, lottano generosamente con gli ultimi titolari rimasti Soloperto che segnerà 13 punti con 12 rimbalzi e Chiacig che ne realizzerà 22, con 21 rimbalzi, super prestazione valida solo per le statistiche. Nelle fila di Moncalieri brilla Merletto che segna 17 punti. Per la Libertas di Pardini è retrocessione in c gold, lasciando come unica speranza una richiesta di ripescaggio annunciata, ma difficilissima da ottenere.

 

3 Secondi - numero XIV
GLI HIGHLIGHTS DEI GIALLOBLU IN USE EMPOLI vs BASKET GOLFO