Interviste

UFFICIALE - Rinnovo contrattuale Marco Andreazza

Il Basket Golfo Piombino è lieto di annunciare un rinnovo contrattuale con il suo capo allenatore.

Daniele Perini
01.06.2018

Oltre alle domande fatte nel video di annuncio del rinnovo contrattuale, sono state rivolte altre domande sia al Presidente del Basket Golfo Piombino Ottorino Lolini, che al capo allenatore Marco Andreazza.

Stefano Stefanini: "Presidente, nel ringraziare la Marea Gialloblù a fine stagione ha postato sulla loro pagina Facebook queste parole: “il nostro impegno per il futuro si rafforzerà”. Il rinnovo di un bravo coach come Andreazza è il primo passo, quali sono in linea di massima i progetti che insieme a lui cercherete di mettere in piedi per la prossima stagione e per le successive?"

Ottorino Lolini: "Il rapporto con Marco è stato impostato su una base pluriennale proprio per poter iniziare a ragionare con una visione di futuro. Non andando in un’altra direzione rispetto a quanto fatto lo scorso anno e cercando di non dover stravolgere le rose ed il gruppo tecnico dopo ogni finale di stagione.
L’accordo con Marco è di impostare innesti funzionali ogni anno per non perdere mai quanto di costruito precedentemente e provare, con strategia, a costruire una realtà solida e duratura che si può porre obiettivi importanti. Questo lavorando su molti fronti, dalla programmazione della rosa ad ambiti più strutturati dell’intera società, agiremo in ottica di un miglioramento globale.
Penso non sia opportuno oggi fare proclami o previsioni, visto che i risultati dipenderanno da una serie di circostanze, non solo dal lavoro e dall’impegno che sappiamo assicurare e che metteremo in campo.

Gli obiettivi della società sono quelli di andare a portare miglioramenti, come sempre nel nostro cammino ci saranno periodi positivi e ad altri in cui non riusciremo ad imporci di settimana in settimana. Vogliamo però provare a creare qualcosa di bono per il nostro pubblico, che dovrà aiutarci come ha già dimostrato di saper fare, anche quando le cose non saranno facili e nei momenti più difficili.

L’obiettivo, non lo nascondiamo, è raggiungere risultati importanti. Non vogliamo sbilanciarci ma già da questo anno l’obiettivo sarà quello di disputare nuovamente i playoff, nella posizione che ci meriteremo a fine stagione e vedere se sarà possibile anche superare qualche turno del torneo finale.
Per quanto riguarda il settore giovanile posso solo dire che è al centro di quelli che saranno dei rafforzamenti e delle riorganizzazioni. La mia competenza è limitata in argomento essendo legati ad altre società, Pallacanestro Piombino e Valdicornia Basket, ed altri presidenti con i quali ragioneremo e continueremo a programmare. La scelta di continuare con Marco, non vi nego, potrà aiutarci anche in questo senso, essendo lui stesso un gran conoscitore di basket giovanile. Per questi argomenti però converrà parlare al momento opportuno con i diretti interessati, nelle prossime settimane."

Stefano Stefanini: "Marco hai fatto un’ottima annata, ora la piazza con i buoni risultati dell’ultimo anno si aspetta molto da questa squadra anche per il prossimo anno. Avrai parlato col Presidente anche di questo, pensi ci siano i presupposti per alzare un po’ l’asticella e puntare a qualcosina di più?"

Marco Andreazza: "Ne abbiamo ampiamente parlato e, per risponderti, mi collego anche alla precedente risposta del presidente. Per analizzare quello che dovrà essere il nostro cammino dovremo avere presente che le migliorie da apportare e lo sforzo di tutti dovrà esserci su più fronti: il rafforzamento del settore giovanile e il senso del “globale” dovrà essere fatto anche nell’ottica del rapporto con la prima squadra. Una serie B ha bisogno di trovare forze fresche per la panchina e tifosi freschi dall’ambiente che la circonda. Lavoreremo sul rendere Piombino un’ambiente ottimale alla formazione dei giovani e, migliorando ulteriormente, una buona piazza dove i giocatori ed i loro procuratori possano dirsi felici di poter intavolare trattative. Lavoreremo però anche nell’ottica di aumentare il senso di appartenenza dei ragazzi più piccoli che giocano per i nostri settori giovanili e delle loro famiglie al fine di creare una solida base di appassionati e andare ad aumentare quello che è il seguito di questa squadra. Per quanto riguarda i risultati invece, dobbiamo contestualizzare l’idea del “migliorare”. Questa stagione siamo arrivati ad un tiro dal quarto posto e ad un tiro dalla vittoria a Crema in gara 1 del primo turno playoff. Detto tutto questo, dal prossimo anno non basterà pensare “sono arrivato sesto, ho fatto peggio” oppure “sono arrivato 3, ho fatto meglio”. Bisognerà capire quello che è stato il lavoro dietro, dalla struttura alla preparazione delle singole partite, cercando di capire che i miglioramenti potrebbero non trasformarsi automaticamente in risultati sportivi. Basti pensare che all’interno della classifica finale del nostro girone noi siamo arrivati quarti ma, chi ha perso solo 3 partite in più di noi, ha chiuso in nona posizione. I margini di errore non sono immensi e questo dovremo esserne coscienti tutti. Per quanto riguarda squadra e gli obiettivi da porsi, si stanno facendo discorsi che esulano dalle felicitazioni dei nostri risultati recenti. Non vogliamo stravolgere la squadra, dei ritocchi ci saranno anche perché in tanti dei nostri possono dirsi soddisfatti della stagione che hanno disputato e si sono rilanciati. Potenzialmente in tanti staranno valutando tante buone offerte e ci sarà da capire quelle che saranno le decisioni di ognuno di loro. In ogni caso lavoreremo con chi rimarrà sugli aspetti da migliorare e, trovando magari dei tasselli importanti per migliore qualità, fisicità ed atletismo, provare a non stravolgere la squadra rendendola però più competitiva."

Daniele Perini: "Dopo questo annuncio le considerazioni da farsi sono quelle sul resto dello staff, ci potete anticipare qualcosa?"

Ottorino Lolini: "Lo staff è unito come lo è sempre stato, ragione per la quale ha lavorato in modo ottimale. Anche la nostra volontà sarebbe quella di poter dare continuità al rapporto che si è creato la scorsa stagione tra i professionisti che compongono lo staff della prima squadra. So che il nostro diesse Alessandro Cecchetti è in contatto con i diretti interessati ed i loro procuratori e che stanno lavorando in tal senso. Anche qui però, prima di sbilanciarci ulteriormente, attendiamo che le parti continuino a lavorare e attendiamo di sapere quelle che sono le considerazioni di tutti."

 

Stasera gara tre delle finali playoff
In tre raggiungono la final four di Montecatini