Approfondimenti

Alle 18:00 il Golfo in trasferta trova San Miniato e da inizio ad un dicembre di fuoco

Daniele Perini
03.12.2017

Il Basket Golfo Piombino trova, in questa undicesima giornata di campionato, la Blukart San Miniato e da ospite proverà a far rimanere i pisani a secco per la terza partita consecutiva. La squadra di coach Barsotti, lo scorso anno terza in campionato, ha cambiato molto questa stagione e, dopo un cammino similare ai gialloblù del Golfo, hanno perso il contatto con la classifica e sono uscite sconfitte da due scontri diretti con Oleggio in casa e nel derby con Montecatini.

Una rosa molto ben impostata con giocatori funzionali all’idea di basket molto ben costruito di coach Barsotti. Dal play Tempestini -arrivato a settembre dopo l’infortunio di quello che sarebbe dovuto essere il play titolare di questa stagione, Luca “the shooter” Pesaresi- al reparto lunghi non fornitissimo ma guidato da Olivier Giacomelli, capocannoniere della squadra.
A completare il roster Zita, Bertolini, Chiriatti, Perin, Benites e Nasello che confermano il tipo di gruppo creato da Barsotti. Un gruppo omogeneo di talenti in cui prevale la squadra come insieme, una visione simile all’impostazione del Golfo ‘17/’18 di Andreazza, Formica e Cecchetti. Similare anche il cammino in campionato che li aveva visti rialzare dalle sconfitte, mai troppo severe, rimediate contro avversari del calibro di Fiorentina, Pavia e Sangiorgese.
Poi le due battute d’arresto consecutive ed adesso la prima gara di dicembre in casa contro un avversario temibile.

San Miniato che quindi cercherà la vittoria con molta fame ma che davanti troverà un Basket Golfo Piombino che arriva alla sfida contro l’Etrusca Basket dopo una partita che “abbiamo dovuto vincere tre volte”, come ha riassunto nel post gara Marco Andreazza, in casa contro una Sangiorgese mai arrendevole e ostinata al voler rimettere in piedi una partita comandata da 39 minuti dai padroni di casa gialloblù. Partita che è servita oltre a rivedere in campo Procacci, fuori il turno precedente per un problema alla caviglia, a coach Andreazza che ha avuto molte conferme dai suoi. Pedroni sembra aver trovato più cattiveria agonistica e una convinzione maggiore nelle proprie, buonissime, capacità che gli permettono di giocare in modo più maturo e funzionale. Fontana e Malbasa continuano ad essere i motori della squadra nelle due fasi di gioco. Persico si riscopre con la sua difesa calcolata ed elegante a vietare l’80% delle soluzioni avversarie dal pitturato pagando pochissimo in termini di apporto offensivo. Iardella e Bianchi invece che si scoprono in grado, grazie alla loro maturità, di caricarsi la squadra sulle spalle e di portarla a vincere anche nei momenti più difficili.

Adesso però ad aspettare il Piombino è un dicembre di fuoco che si apre proprio oggi a San Miniato per poi continuare con il doppio impegno casalingo della prossima settimana. Giovedi 7 e domenica 10 dicembre infatti il Palatenda ospiterà i due match, contro Empoli prima, e contro Oleggio nell’ultimo giorno della settimana. Prima del Natale però ancora due sfide, una sabato 16 in trasferta contro la Super Flavor Milano e l’ultima in casa sabato 23 alle 20:30 con Montecatini.

Gli anticipi: Omegna torna rullo compressore
Inciampa Milano, Piombino sale e avvicina le prime quattro