Cronache

Piombino, espugna in rimonta Firenze e vola al secondo posto

Stefano Stefanini
14.01.2019

Impresa dei gialloblu che non finiscono più di stupire, squadra dai finali micidiali

In un impianto bellissimo, il Pala Mandela, con un seguito di circa duecento tifosi, arrivati con pullman e mezzi propri, il Piombino compie un’impresa da album dei ricordi, nel finale, come era già accaduto ad Alba   e a San Giorgio, i gialloblu rimontano e vincono in volata, 67 a 66 contro la seconda del campionato.

Piombino che non si ferma più, nona vittoria nelle ultime 10 partite, infranto il tabù della quinta vittoria consecutiva, secondo posto a pari merito con Firenze e San Miniato, ma col doppio vantaggio coi viola ed un più 8 nella gara di andata con i pisani. Una squadra dal grandissimo carattere, che non muore mai, come aveva detto in settimana nella sua intervista coach Andreazza, la squadra è rimasta con la testa dentro il match sempre, anche quando si è vista più volte sfuggire gli avversari. È rimasta nel match anche quando ha visto che Persico, reduce da una settimana trascorsa senza allenarsi per un problema fisico, non ce la faceva a reggere il campo, è rimasta nel match dopo i tanti liberi sbagliati e ci è rimasta anche dopo l’uscita per falli di Iardella, ovvero di colui che spesso e volentieri è protagonista dei finali del Basket Golfo.

Non era facile contro una Fiorentina rocciosa in difesa, che per tre quarti ha chiuso la sua area, con Piombino che trovava pochi sbocchi offensivi e in difesa subiva la fisicità degli avversari, con Cuccarolo inarrestabile e con i viola che prendono molti rimbalzi offensivi.

La cronaca

Una Fiorentina che dopo un primo quarto equilibrato, finito con Piombino avanti di uno, 17 a 18, nel secondo con i canestri di Cuccarolo, Vico e una spettacolare inchiodata di Udom, vola a più 8 a metà frazione, ma Procacci con le sue penetrazioni brucianti e Fratto da sotto tengono in corsa i gialloblu. Nel finale di quarto due bombe di Drocker e Berti aprono il divario, che Savoldelli, quasi infallibile dalla media, porta a più 14 e con un parziale di 9 a 1, il Golfo va al riposo sotto di 13, 45 a 32. Prima mazzata e prima reazione del Golfo, che a ritorno in campo, dopo aver subito il più 15 di Banti, con due bombe di Pedroni e Mazzantini risale fino a meno 5 dopo 4’, ma è di nuovo la difesa viola ad avere la meglio, Piombino non trova più canestri dal campo, perde qualche pallone e si ritrova di nuovo a meno 13, riuscendo solo a ricucire fino a meno 10 dalla lunetta. Nel quarto finale arriva Iardella, fermo a lungo in panchina per falli, a dare la scossa, un assist che libera sotto Bianchi, un canestro da due ed una bomba e in nemmeno 2’ Piombino torna a meno 3. Gialloblu che, con la zona mettono in difficoltà i viola, che da tre hanno le polveri bagnate (3 su 22), ma sono micidiali dalla lunetta, anche con Cuccarolo, Iardella commette il quinto fallo a 6’ dal termine e il solito piazzato di Savoldelli ridà il più 6 a Firenze. Procacci, autore di un’ottima prestazione, non si scoraggia per i numerosi errori ai liberi e piazza la bomba del meno 3, bissata da Pedroni, subentrato a Iardella, che riporta in parità Piombino a 5’ dalla sirena. Il ragazzo piombinese sarà il grande protagonista di questo finale, infatti dopo un altro canestro di Savoldelli, piazza un altro missile che porta avanti di uno i suoi, terza bomba su 4 tentativi. Ma anche Niccolai trova risorse importanti dalla panchina e con Drocker da tre. Piombino è molto aggressivo ora in difesa e non concede più soluzioni dalla distanza, ma arriva un antisportivo a Bianchi, che potrebbe uccidere il match, ancora Drocker dalla lunetta non sbaglia, più 2 e possesso a 1’45’’ dalla fine, ma Berti sbaglia in penetrazione il possibile più 4. Arriva una serie di errori al tiro da entrambe le parti, ma Fratto prende bene posizione sotto canestro e al rimbalzo subisce fallo, nella bolgia del tifo locale fa 1 su 2 a 39’’. Ma sull’azione di Vico la pressione di Mazzantini favorisce il recupero di Procacci e sulla ripartenza Pedroni freddissimo salta Savoldelli, arresto e tiro e sorpasso Golfo a 26’’ dalla sirena, timeout Firenze. Alla ripresa Vico attacca il ferro ma sulla pressione difensiva sbaglia, Berti recupera il rimbalzo, Vico ancora attacca il ferro, ma Fratto lo pressa e lo costringe all’errore, ancora Berti prende il rimbalzo e sulla sirena in caduta tira nuovamente, la palla batte sul ferro e esce ed esplode la festa dei ragazzi gialloblu e della tifoseria piombinese, in un abbraccio collettivo, uno sventolio di bandiere ed il pubblico piombinese che, tutto in piedi, canta, “oh mamma, mamma, mamma, sai perché mi batte il corazon, ho visto il Piombino, eh mamma innamorato son”, ad una squadra che davvero fa innamorare i suoi tifosi.

Un tripudio che questi ragazzi meritano, veramente una squadra con gli attributi, che fa sognare la piazza piombinese.   

All Food Fiorentina Basket Firenze - Solbat Basket Golfo Piombino 66-67 (17-18, 28-14, 10-13, 11-22)

All Food Fiorentina Basket Firenze: Sebastian Vico 12 (3/12, 0/2), Diego Banti 11 (5/10, 0/1), Gino Cuccarolo 10 (4/5, 0/0), Nicola Bastone 8 (3/9, 0/1), Nicola Savoldelli 8 (4/6, 0/3), Gian marco Drocker 8 (0/1, 2/4), Simone Berti 7 (2/8, 1/7), Liam Udom 2 (1/2, 0/1), Corrado Bianconi 0 (0/2, 0/3), Riccardo Iattoni 0 (0/0, 0/0), Gabriele Bargi 0 (0/0, 0/0), Niccolò Avellini 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 15 - Rimbalzi: 43 16 + 27 (Simone Berti 7) - Assist: 10 (Nicola SavoldelliSimone Berti 3)

Solbat Basket Golfo Piombino: Alessandro Procacci 16 (5/13, 1/3), Francesco Fratto 14 (3/5, 0/4), Saverio Mazzantini 12 (2/7, 2/5), Edoardo Pedroni 11 (1/4, 3/4), Camillo Bianchi 7 (1/4, 0/6), Alessio Iardella 7 (1/3, 1/3), Edoardo Persico 0 (0/1, 0/0), Yuri Bazzano 0 (0/0, 0/0), Tommaso Molteni 0 (0/0, 0/0), Alessandro Riva 0 (0/0, 0/0), Tommaso Mezzacapo 0 (0/0, 0/0), Niccolò Pistolesi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 29 - Rimbalzi: 38 10 + 28 (Francesco Fratto 14) - Assist: 4 (Alessio Iardella 2)

"GLI ANTICIPI": Empoli risale
Coach Andreazza a caldo dopo l'impresa di Firenze