Cronache

"LE ALTRE" Sangiorgese fermata dopo due supplementari

Stefano Stefanini
29.10.2018

Una coppia al comando e sette squadre a soli due punti, campionato equilibratissimo e ancora da decifrare

Il match clou di giornata era senz’altro quello di Vigevano, la capolista Sangiorgese perde 97 a 95, ma ci vogliono due supplementari per stroncare la sua resistenza. Grandi prestazioni di Verri dalla parte di Vigevano, 21 punti, 11 rimbalzi e 4 assist e Parlato sull’altra sponda, con 21 punti, 5 su 11 da tre e 7 rimbalzi, ma da sottolineare le buonissime prove dei molti giovani in campo, sempre più sorprendenti i due play di coach Quilici, Rota entrambi con 15 punti e col primo che da 6 assist, si conferma Scali con 14 punti, 11 rimbalzi e 4 assist, nelle fila di Vigevano invece si vede finalmente Vecerina con 18 punti e 5 assist. Avvio deciso dei padroni di casa col più 12 firmato Petrosino (12 punti) nel primo quarto, parità ristabilita a metà secondo ed equilibrio che non si schioda fino alla fine, con Roveda che sbaglia il tiro libero supplementare del possibile più uno e Ferri la soluzione da due per la vittoria dei padroni di casa, che allungano sul più 6 ad inizio overtime, con due bombe di Ferri e Verri, ancora una di Panzini per il più 4, ma Rota e Scali rispondono e si va al secondo overtime. Squadre sulle gambe, braccia che tremano e non si segna più, solo dai liberi Vigevano trova il più 4, Parlato e Roveda riportano la Sangio due volte a meno uno, Verri dalla lunetta fa più 2 e Parlato sbaglia l’ultima bomba per il possibile sorpasso.

La Fiorentina, batte San Miniato 76 a 68, in attesa del recupero con Siena che potrebbe portarla in testa alla classifica. Fiorentina che allunga sul più 7 nel primo, sul più 10 nel secondo, ma san Miniato non molla e rintuzza tutti i tentativi di fuga, al riposo lungo solo più 4 il vantaggio dei padroni di casa, 41 a 37. I viola dimostrano una superiorità schiacciante in termini fisici, dominando ai rimbalzi (42 a 34) e costringendo San Miniato ad un modesto 31% nelle soluzioni dalla breve, dove il solo Nasello (18 punti) riesce a fare qualcosa, dalla distanza invece i pisani riescono a colpire (10 su 26), con su tutti Lasagni 4 su 6 e 14 punti. Nel terzo quarto arriva il breck decisivo con Savoldelli (14 punti) e Iattoni (15), un parziale di 23 a 7 si va all’ultimo riposo sul più 20. La Fiorentina abbassa i ritmi e nel finale San Miniato riduce fino a meno 8.

Empoli con l’unica vittoria esterna di giornata, espugna Domodossola, 87 a 93. Ai padroni di casa, ancora senza Serroni e D’Andrea, non basta la grande prova di Zaharie, 24 punti, 8 rimbalzi e 3 assist ele buone prove di Tempestini (14 e 5 assist) e Tommei (16 con 3 su 7 da tre). Come al solito pagano dazio sotto i tabelloni, 41 a 33 i rimbalzi, reggono comunque il match, anche rispondendo all’allungo degli ospiti che vanno sul più 8 nel terzo quarto, ma dalla parità raggiunta a metà quarto, subiscono un parziale di 17 a 0 nella seconda metà del quarto. Per Empoli super prestazione di Giarelli, 21 punti 9 rimbalzi e 6 assist, buonissima di Stefanini, 18 punti, 7 rimbalzi e 4 assist e del solito Raffaelli, 14 punti. Ultima reazione d’orgoglio dei padroni di casa che si riportano a meno 6 a 5’ dal termine e a meno 4 con bomba di Ballabio a 40’’ dalla sirena, ma dalla lunetta Empoli chiude.

Partita non entusiasmante ad Alba coi padroni di casa che hanno ragione abbastanza agevolmente di un Oleggio in giornata decisamente negativa, vedi percentuali al tiro (40% da due, 19% da tre) e le 22 palle perse. Nelle fila dei novaresi, si salva Pilotti con 15 punti e 9 rimbalzi, Hidalgo 12 punti e 5 assist e Gallazzi con 13 punti. Per Alba i migliori Terenzi con 11 punti, 9 rimbalzi e 5 assist, Dell’Agnello con 14 punti, 7 rimbalzi e 5 assist e Antonietti con 13 punti. Alba prende il sopravvento fin dall’inizio, col più 7 a fine primo quarto, più 13 a fine secondo, sul 38 a 25, fino al più 17 massimo vantaggio a metà terzo. A cavallo fra terzo e quarto Oleggio ricuce fino a meno 6, qui fallisce diverse occasioni per rientrare, subisce due stoppatone, sbaglia da tre e perde palla e così Alba riallunga con Terenzi e Dell’Agnello e chude sul 71 a 53.

 

 

Le parole a caldo di Andreazza dopo la vittoria su Montecatini
Il video della vittoria su Montecatini