Approfondimenti

Una sconfitta che ci rende ancora più forti

Stefano Stefanini
26.03.2019

Tutto può ancora accadere, proviamo ad analizzare le prospettive future del Basket Golfo

La delusione a fine partita era tanta, non per la sconfitta in sé stessa, ma per come era arrivata. Affrontare una squadra che da tre anni punta a risalire in A2, tornata al completo ed in piena forma, per di più senza il nostro play titolare Procacci, era impresa ardua e molti avevano messo in preventivo una sconfitta, anche se in cuor suo ogni tifoso sognava la vittoria. Quindi è ovvia la delusione derivante all’esser saliti due volte sul treno della vittoria, nel travolgente secondo quarto, col più 12 e, il maggior rimpianto, col più 10 a 3’ dalla sirena, che aveva fatto vedere vicinissimo quel traguardo.

Ma dopo aver somatizzato rapidamente questa sconfitta, la chiave di lettura è diversa, abbiamo combattuto testa a testa con i migliori, facendogli vedere a lungo i sorci verdi, come si suol dire. Lo abbiamo fatto con importanti assenze in organico, commettendo qualche errore, che solitamente non commettiamo e abbiamo avuto anche un pizzico di sfortuna su certi episodi. Tutto questo ci deve dare ancora più convinzione che siamo davvero forti, che ci meritiamo tutto ciò che abbiamo fatto finora e che ne potremo vedere ancora delle belle. Si perché questa squadra ha ancora tanta benzina e con questa mancata impresa, adesso anche un po’ di rabbia in corpo. Siamo ancora la capoclassifica e abbiamo ogni possibile destino nelle nostre mani, tutto è ancora fattibile e, alla faccia della scaramanzia, non vedo in questi ragazzi lo sguardo di chi vuol mollare proprio ora. Ci aspettano altre quattro battaglie e ovunque ci porteranno in classifica, ci vedranno ancora lottare come abbiamo sempre fatto e, visto che la più forte l’abbiamo già incontrata e fatta soffrire, possiamo battere chiunque.

Le possibilità in questo finale di campionato

Si riparte da San Miniato, campo di molte battaglie, sperando di recuperare Procacci e sempre ricordando che questa squadra era partita per puntare ad un quarto posto. Vincendo al Palafontevivo, si potrebbe ancora correre per la prima piazza, visto che quello è l’impegno più difficile tra quelli che ci aspettano. Praticamente impossibile capire ora chi potrebbe essere l’ottava del girone B e quindi l’eventuale avversaria dei quarti (5 squadre in 2 punti fra 8° e 9° posto, vedi sotto la classifica).

Per il primo posto occorrono:

- 4 vittorie

- o 3 se Omegna perde una delle prossime 4

Non mettiamo altre possibilità, perché Omegna ha un calendario abbastanza facile, con Siena e Domodossola, Pavia in casa e forse l’unica che potrebbe creare qualche piccola insidia, la trasferta a Montecatini, visto che i termali hanno battuto Fiorentina e San Miniato

Come ha sottolineato però in una recentissima intervista coach Andreazza, il nostro obiettivo più alto è arrivare in semifinale playoff e per fare questo potrebbe essere buonissimo anche un secondo posto. Posizione che consentirebbe di avere il vantaggio del fattore campo nei quarti, con un’avversaria magari meno forte e addirittura anche quello in semifinale, che potrebbe voler dire tre partite al Palatenda, contro una big. Anche se non ancora delineato il girone B, si può azzardare a dire che l’avversaria dei quarti potrebbe essere una, fra Cremona e San Vendemiano (due squadre che presenteremo sul nostro sito, in questa e nella prossima settimana)

Per quell’obiettivo, alla squadra piombinese, potrebbero bastare due vittorie, che diverrebbero matematica certezza nel caso in cui;

- San Miniato perdesse una delle prossime 4 gare

- Se una delle due vittorie fosse con San Miniato

- Se ne vincesse altre due, senza perdere di più di 7 coi pisani

- Se, perdendo più di 7 con San Miniato, arrivasse in parità con Fiorentina e San Miniato

Per il terzo o quarto posto, anche questi col vantaggio del fattore campo ai quarti (ma non in semifinale), molte le possibilità ancora aperte, quindi non entriamo attualmente nel merito.

Per obbligo di cronaca e per la matematica, bisogna dire che Piombino potrebbe ancora uscire dalle prime 4, visto che Sangiorgese e Vigevano sono a 8 punti con 4 gare da giocare e in alcune casistiche di parità, il Golfo sarebbe dietro a quelle squadre.

Grande rischio il quarto posto, perché l’avversaria potrebbe anche essere una big del girone B, come Orzinuovi, Milano o Faenza.

Gli highlights dei gialloblu in Basket Golfo vs Omegna
Le possibili avversarie del girone B ai playoff: "JUVI CREMONA"